Siamo Tutti Pangea

La nuova campagna di Pangea Onlus a favore delle Donne Disabili di Calcutta, un progetto che nasce dal desiderio di queste donne speciali di poter vivere una vita migliore, dignitosa e più bella!

di Carlotta Pistone

Pubblicato lunedi, 7 marzo 2016

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Da molti anni MondoRosaShokking segue la Fondazione Pangea Onlus e suoi numerosi progetti volti a sostenere lo sviluppo sociale ed economico di donne in difficoltà e delle loro famiglie in Paesi quali India, Afghanistan e Italia che spaziano dall'istruzione, all’educazione igienico-sanitaria, dalla formazione professionale al micro credito.

 

E oggi, anche in occasione della Giornata Internazionale della Donna, vogliamo appunto parlarvi di una nuova campagna, “Siamo Tutti Pangea”, che verrà lanciata dall'associazione no profit proprio in questi giorni, rivolta alle Donne Disabili di Calcutta e a un desiderio che hanno espresso, la cui realizzazione potrà permettere loro di vivere una vita migliore, dignitosa e più bella.

 

Obbiettivo di Pangea e del progetto è di inaugurare una scuola per parrucchiere destinata a queste Donne, una scuola dove imparare un mestiere, stringere amicizie, essere solidali, non sentirsi sole o discriminate e dimostrare che tutto davvero è possibile se ognuno fa la propria parte.

 

Le future parrucchiere apprenderanno le basi di questo lavoro, le tecniche, scopriranno prodotti e strumenti e una volta diplomate potranno iniziare a lavorare e magari diventare loro stesse formatrici e insegnanti, dando vita a un rivoluzionario circolo virtuoso di bellezza e solidarietà.

 

“Quando mi hanno espresso il desiderio di diventare operatrici di bellezza, di imparare il mestiere della parrucchiera e dell’estetista mi sono commosso. E, lo ammetto, non ho dormito per diverse notti. Dovevo assolutamente trovare i soldi per dare loro questa bella opportunità. Perché la Bellezza è Pace, Gioia, Vita, Speranza ed è ciò che i progetti di Pangea realizzano ogni giorno con le donne e le famiglie. Perché donare Bellezza all’Altro significa capire, condividere, significa la capacità di essere l’altro” spiega il Fondatore e Presidente di Pangea, Luca Lo Presti. 

 

Pangea ha così raccontato il sogno di queste Donne a diversi imprenditori del mondo della bellezza - Bothea, Factory Spa, Framesi, ICON, Naturalmente, Nika, Summe Cosmetics - che hanno subito compreso il loro desiderio perché è lo stesso che ogni giorno anima il loro lavoro. Hanno scelto insieme di aiutare Pangea rinunciando all’esclusività del progetto e alla competizione che esiste fra le loro aziende. E hanno a loro volta coinvolto tutti gli operatori dei loro saloni di bellezza e dei centri benessere e tutti i loro clienti. Tutti si sono sentiti Pangea.

 

L’attrice Maria Grazia Cucinotta, da anni accanto a Pangea, ha sposato l’iniziativa e ha scelto di diventarne la madrina.

 

Simbolo di questa bella iniziativa è il Nodo di Pangea che per l’occasione è stato declinato in 4 bracciali diversi - in argento e cuoio (nero), argento e cordino di nylon (nero o rosso) o completamente in argento - che si troveranno esclusivamente nei saloni che hanno aderito e che espongono in vetrina il marchio solidale #siamotuttipangea.

 

La donazione è di 20 euro cad e permetterà alle donne di Casa Pangea Calcutta di realizzare i loro sogni.

 

 

Scopri il progetto e cerca il punto #siamotuttipangea più vicino a te:

www.siamotuttipangea.it

 

Tag:  Pangea Onlus, Siamo Tutti Pangea, Donne disabili di Calcutta, Nodo di Pangea, bellezza, formazione professionale, scuola di parrucchiere, solidarietà, Casa Pangea Calcutta

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni