Enrico "Chicco" Cerea

Direttamente dall'edizione 2011 di Identità Golose, Intervista enogastronomica liberamente ispirata al gioco di Proust con i migliori talenti della cucina.. stellati e in erba

di Anna Battaini

Pubblicato giovedì, 10 febbraio 2011

Rating: 4.5 Voti: 6
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Foto Brambilla - Serrani courtesy of Identità Golose
Qual è il tuo primo ricordo legato al cibo?
Una torta di cornetti in sfoglia preparata da mio papà quando ero ragazzino, e un minestrone di verdura di cui ricordo ancora il profumo adesso.

Qual è la caratteristica principale del tuo carattere?
A parte quando mi arrabbio.. la pacatezza!

Qual è l'ingrediente che usi di più in cucina?
In modo parsimonioso.. il sale, perchè lo metto in quasi tutti i piatti.

E quello che cerchi di usare il meno possibile?
Le cose non inerenti alla cucina in se stessa, come i prodotti chimici.

Quando non cucini qual è la tua attività preferita?
Amo stare in famiglia con i miei bimbi, oppure gioco a tennis. Da qualche mese sto imparando il golf e mi sta molto appassionando.

Se potessi riportare in vita uno chef scomparso e farti regalare una ricetta, chi  sceglieresti?
Bella domanda! Beh forse mio padre e chiederei a lui ancora qualche ricetta e qualche consiglio.

Qual è il tuo motto?
Fare tutti i giorni anche le stesse cose, ma farle bene, per arrivare al risultato massimo.

Quale consideri il tuo più grosso successo?
La mia famiglia, i miei tre bimbi.

Il momento più felice della tua vita?
La nascita dei miei figli, forse in particolare la nascita del primo perchè era una novità in assoluto.

Per quale personaggio storico avresti voluto cucinare?
Garibaldi

A quale avresti volentieri aggiunto un pizzico di veleno nel piatto?
Italiano o estero? Ce ne sarebbero diversi.. I dittatori storici, da Hitler a Stalin con tutti quelli che ci stanno nel mezzo.

La tua più grossa stravaganza?
Io sono abbastanza posato, quindi non penso di avere delle stravaganze particolari.

La cucina è una forma d'arte, parlando di altre forme d'arte, chi è il tuo pittore favorito?
Gli impressionisti in generale, tutto quel periodo. Mi da molta poesia e mi ispira molte cose. Li amo profondamente.

E il compositore?
Amo tutta la musica, purchè bella, dalla classica alla pop.. basta che sia una bella musica.

L'ultimo libro che hai letto?
Amo molto il filone dei libri di cucina inerenti anche all'erotismo. Uno dei più bei libri che ho letto ultimamente, invece, è La versione di Barney di Richler Mordecai.

Quale tema musicale potrebbe essere la colonna sonora della tua vita?
Visto il ritmo una canzone rock abbastanza vivace.

Un sogno nel cassetto?
Riuscire a fare quello che mio padre a fatto con me, con mio figlio. Riuscire a fargli capire l'importanza del lavoro e della famiglia e trasmettergli l'amore per questo lavoro.. Però lo lascerò assolutamente libero di scegliere quello che vuole.

Le donne passano ore e ore in cucina nell'arco della loro vita, eppure gli chef più famosi del mondo sono da sempre quasi tutti uomini. Sai dirmi perché?
Perchè di fondo è comunque un lavoro impegnativo e duro. E la donna, sai, purtroppo si dedica forse più alla famiglia. Nella scelta, quando la si deve fare tra la famiglia e il lavoro, la maggior parte delle donne, giustamente, sceglie la famiglia.. Noi uomini siamo un po' più birichini e ci buttiamo sulla professione, sul lavoro.

Hai mai usato la cucina come arma di seduzione?
Si, certamente!

Ha funzionato?
In pieno!

Regaleresti una ricetta alle donne rosa shokking?
Tag:  Chicco Cerea, Relais Chateaux Da Vittorio, Chef, Risotto ai morbidi frutti di mare con zuppa di pesce, Identità Golose

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni