Marco Stabile

Direttamente dall'edizione 2011 di Identità Golose, intervista enogastronomica liberamente ispirata al gioco di Proust con i migliori talenti della cucina.. stellati e in erba

di Anna Battaini

Pubblicato martedi, 11 ottobre 2011

Rating: 4.0 Voti: 6
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Foto Brambilla - Serrani courtesy of Identità Golose
Qual è il tuo primo ricordo legato al cibo?
La prima volta che ho aiutato mia mamma con una pasta lievitata, che ho mangiato cruda.. e dopo l'ho pagata cara!

Qual è la caratteristica principale del tuo carattere?
Un po' di "lunatismo". Sono calmo di natura, ma anche eccitato e arrabbiato in certi momenti. Però è tutto guidato dalla passione.

Qual è l'ingrediente che usi di più in cucina?
Penso l'olio, anche perchè siamo in Toscana. L'olio d'oliva.

E quello che cerchi di usare il meno possibile?
Il peperoncino, perchè credo che allontani il gusto vero delle cose.. se manca gusto si mette il peperoncino. Ecco perchè cerco di non usarlo, perchè tento sempre di tirare fuori i gusti da tutto il resto, e il peperoncino distoglierebbe da questa cosa.

Quando non cucini qual è la tua attività preferita?
Al momento è difficile trovare un momento in cui io non cucini.. quindi potrei dirti, studiare la cucina!

Se potessi riportare in vita uno chef scomparso e farti regalare una ricetta, chi sceglieresti?
In realtà ce n'è uno che più che riportarlo in vita mi piacerebbe riportarlo al lavoro, visto che è ancora vivo, ed è Frédy Girardet. Purtroppo non sono riuscito ad andare a mangiare da lui mentre tutti, specialmente tante persone care, mi hanno parlato della sua cucina come di una cosa straordinaria. Essendo ancora in vita sarei felice di riuscire a riportarlo ai fornelli. Sarebbe magicissimo

Qual è il tuo motto?
L'esperienza diretta è la migliore esperienza.

Quale consideri il tuo più grosso successo?
Il più grande successo è quello di aver trasformato un ristorante che non funzionava in un'esperienza unica che sta crescendo giorno dopo giorno, con l'aiuto delle mie sole forze. Quindi c'è tutto me stesso e riesce a salire alla grande.

Il momento più felice della tua vita?
Penso che debba ancora arrivare!

Per quale personaggio storico avresti voluto cucinare?
Caterina De Medici, era un genio e ha fatto tante scoperte.

A quale avresti volentieri aggiunto un pizzico di veleno nel piatto?
Certamente Hitler, ma forse anche Ponzio Pilato.. che si è lavato le mani. Chissà come sarebbe andata se avesse agito in modo diverso.

La tua più grossa stravaganza?
Io non sono stravagante per natura.. forse non l'ho ancora fatta.. vedremo nel futuro!

La cucina è una forma d'arte, parlando di altre forme d'arte, chi è il tuo pittore favorito?
Monet

E il compositore?
Non ho ancora preso una decisione definitiva. Per ora i Pink Floyd.. che mi hanno accompagnato dall'adolescenza, ma sto sondando quindi sono ancora in fase di ricerca, magari tra qualche tempo potrei darti un'altra risposta.

L'ultimo libro che hai letto?
Un giorno a el Bulli di Ferran Adria

Quale tema musicale potrebbe essere la colonna sonora della tua vita?
La riunione delle streghe di  Musorgskij. Oppure qualcosa di pavarottiano!

Un sogno nel cassetto?
Trovare l'equilibrio.. che non è facile, ma forse ci son vicino.. in diverse categorie.. poi ti faccio sapere!

Le donne passano ore e ore in cucina nell'arco della loro vita, eppure gli chef più famosi del mondo sono da sempre quasi tutti uomini. Sai dirmi perché?
Secondo me, in parte è dovuto al fatto che molto spesso le donne hanno altre esigenze nella vita, voglia di maternità, voglia di amore, voglia di tante cose che impediscono di dedicarsi in via esclusiva alla cucina.
L'uomo invece è un pochino più freddo e più distaccato, e riesce ad allontanare dal cuore qualunque cosa possa distrarlo dalla cucina che - come dicevamo prima - è un impegno costante e continuo. Solo per questo, perchè le capacità - son convinto - ne hanno maggiormente le donne.

Hai mai usato la cucina come arma di seduzione?
Mai. ( Ndr.: ho insistito perchè non ci credevo). Diciamo che forse l'ho usata in modo un po' indiretto.

Ha funzionato?
Diciamo che sta funzionando. Come ti dicevo non si tratta di un'arma diretta. Praticamente non cucino mai per lei, ma intorno a lei (ndr.: A questo punto scoppia a ridere)

Regaleresti una ricetta ai lettori rosa shokking?
Certo, vi regalo la super tartara!
Legga più: La Super Tartara
Tag:  Marco Stabile, Ora d'Aria, chef, Super Tartara, Identità Golose

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni