Ho ucciso Napoleone di Giorgia Farina

Una commedia vecchio stampo cucita addosso a Micaela Ramazzotti, che stravince

di Andrea Tonetti

Pubblicato venerdì, 10 aprile 2015

Rating: 5.0 Voti: 3
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Anita lavora per un’azienda farmaceutica che produce un farmaco per il dimagrimento veloce.

Fredda e senza scrupoli, arrivista di professione, viene licenziata proprio il giorno in cui diventa direttore commerciale. Ma non basta, perché è anche incinta del direttore generale, sposato e con due gemelle. Chiaramente il padre non vuole saperne nulla del figlio e cerca di spingere per l’aborto. C’è un problema: la gravidanza è già al quarto mese inoltrato e l’interruzione non è più possibile se non illegalmente.

Seduta su un’altalena del parco, Anita conosce una ex assistente di un medico che ora, grazie ai ricettari rubati, spaccia medicine a una disoccupata obesa, a un’infermiera che ha bisogno di non dormire e a un avvocatessa con problemi di nervi. Grazie a questa squadra improbabile e all’avvocato dell’azienda, riesce a far licenziare tutti e a far diventare il timido avvocato il nuovo direttore generale. Ma non basta, lei e l’avvocato si innamorano, si sposano e nasce la bambina che viene chiamata Dora.

Le cose però non sono quello che sembrano: l’avvocato è uno psicopatico con problemi di bipolarismo e di competizione con la madre che comincia a ricattarla per poterla tenere legata a lui, come una schiava.

Si ritroverà a dover nuovamente reagire per ribaltare la situazione e riprendersi ciò che le spetta di diritto.

Dopo Amiche da morire, la regista Giorgia Farina gira un film all women in stile Almodovar, creando una carrellata di personaggi disfunzionali, perdenti e un po’ matti.

Partendo dai titoli d’inizio, accompagnati da una canzone molto ruffiana, la storia si svolge in un modo accattivante, con una serie di situazioni che non possono non piacere agli spettatori. Divertente, irriverente e tristemente attuale, Ho ucciso Napoleone è ben orchestrato e poggia tutto sulle spalle di una meravigliosa, e imbruttita, Micaela Ramazzotti: vestita divinamente e truccata tanto da sembrare una specie di moderna Signorina Rottermeier amalgamata con Crudelia Demon.

Come per Amiche da morire siamo di fronte a un non capolavoro, ma a un film estremamente godibile, che farà trascorrere serenamente 90 minuti grazie anche alle interpretazioni di tutti: Libero De Rienzo, Iaia Forte, Elena Sofia Ricci e Adriano Giannini.

Magari non a prezzo pieno, ma vale una visione.


HO UCCISO NAPOLEONE 
di Giorgia Farina

Con: Micaela Ramazzotti, Libero de Rienzo, Adriano Giannini, Elena Sofia Ricci, Iaia Forte
Genere: Commedia
Durata: 90 min
Uscito nelle sale: giovedì 16 marzo 2015

Tag:  Ho ucciso Napoleone, Giorgia Farina, Micaela Ramazzotti, commedia al femminile

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni