Modern Family

Women is the New Black, di Giuseppe Paternò di Raddusa.

di La Redazione

Pubblicato lunedi, 19 febbraio 2018

Rating: 3.5 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Ok, non è proprio una serie dedicata soltanto a personaggi femminili ma sarebbe ingiusto non riservare a Modern Family, giunto alla sua nona stagione, lo spazio che merita, perlomeno su questi lidi.

In onda da quasi dieci anni sulla ABC, la serie targata 20th Century Fox si è da subito imposta come uno dei bacini più ricchi e diversificati per raccontare le contraddizioni – e le trasformazioni – della famiglia americana contemporanea.

La forza dei dialoghi, lo smalto degli interpreti e un’invidiabile capacità di osservare il reale nei suoi aspetti più parossistici e mai “corretti” ne fa un gioiello, a volte brillante, a volte più opaco - ma tenere alto il ritmo per nove stagioni non è affare da poco.

Creata da Christopher Lloyd e Steven Levitan, Modern Family segue la struttura del mockumentary, il falso documentario, raccogliendolo come pretesto per raccontare tre famiglie diverse: il divorziato che sposa in seconde nozze una donna più giovane e bellissima, il marito e la moglie alle prese con figli disfunzionali e nevrosi sparse, la coppia gay che ha adottato una bambina dopo avere incontrato non poche difficoltà sul percorso di vita condiviso.

La serie, nonostante momenti spassosi e battute memorabili, riserva ai personaggi femminili una delicatezza importante nel coglierne le evoluzioni: la dolce Gloria (Sofìa Vergara), la nevrotica Claire (Julie Bowen, la migliore dell’intero cast), la nerd Alex (Ariel Winter), la disinibita Haley (Sarah Hyland) e la piccola Lily (Aubrey Anderson-Emmons) sono personaggi belli perché stratificati, imprevedibili, diversi.

È nella commistione dei caratteri si ritrova la forza originaria del progetto: una grinta intellettualmente onesta, che ne fa un instant classic da non perdere.
Tag:  modern family, serie tv, Women is the the New Black, Giuseppe Paternò di Raddusa

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni