Alla Consolle Rosashokking Manuela Doriani

La storia, le idee e, ovviamente, la musica di una dj rosashokking che "in consolle" ha trovato il tradimento, la rivalsa e il grande amore della sua vita

di Karin Tononi

Pubblicato sabato, 12 giugno 2010

Rating: 4.8 Voti: 20
Vota:
Leggi anche:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Manuela Doriani
La protagonista della nostra consolle Rosashokking, questa settimana, è la conosciutissima Manuela Doriani. La sua voce l’abbiamo sentita nei principali network radiofonici italiani, Radio Deejay, RDS, Radio Capital e molti altri. Nata a Torino vive a Milano. Sta suonando principalmente nelle migliori serate gay d’Italia, come: Pourhomme in collaborazione con i Magazzini Generali (Milano), Tommy Night Alibi (Roma), Gay Village (Roma), Exit Drinks (Palermo), Dancing Queer (Perugia), Les Folies Scandal (Torino), I Like It (Varazze), Trash &Chic (Venezia), Civi Eventi (Bologna), Mamamia (Torre del Lago Puccini di Viareggio), Imbarco Immediato (Svizzera). Il suo dj set è davvero imprevedibile, divertente, lei lo definisce un vero delirio!




Karin vs Manuela Doriani

Karin: Ciao Manuela! Raccontaci un po’: come hai iniziato a fare la Dj? Sei partita dalla conduzione radiofonica o già suonavi? Oppure proprio il lavoro in radio ti ha indirizzata verso la consolle?

Manuela: Il primo amore della mia vita era un deejay di Torino piuttosto famoso (in radio e in discoteca). Avevo 17 anni e mi ha tradita con la mia migliore amica mentre ero ricoverata in ospedale in seguito a un incidente. Ho deciso di fargliela pagare, prima con la radio, poi con la consolle. Ce l’ho fatta e ho trovato il vero grande amore della vita, quello che non passa mai nonostante tutto: IL MIO LAVORO.

K: Chi è il tuo "guru" in consolle?

M: I miei guru cambiano a seconda del periodo. Mi innamoro del talento delle persone. Gente come David Guetta, che riesce a monopolizzare e cambiare il mercato dance. O come Richie Hawtin, che lavora usando il mio stesso programma, con una tecnica e una creatività straordinarie. Ma anche gente come Alex Danzi, che pubblica su facebook deejay set che sono un viaggio extrasensoriale. Talento e personalità mi tolgono il respiro. Li ammiro, ma non li copierei MAI.

K: Quale dj set hai realizzato che non dimenticherai mai? E perchè?

M: Per fortuna ce ne sono tanti, ma suonare ai Magazzini Generali di Milano, con 2000 persone sotto il palco, è un’esperienza che, nonostante gli anni e il curriculum, non ha prezzo. E’ un posto magico, una consolle MAGICA.. Non so davvero come spiegare quello che ho provato e che per fortuna continuo a provare.

K: Quella della dj donna è una figura molto richiesta. Secondo te ci sono ancora distinzioni tra uomo o donna dj? Possiamo dire che l'importante è la musica, o fa ancora differenza il sesso in consolle? (Topless dj a parte..)

M: Temevo questa domanda. C’è distinzione in consolle, eccome! E ce la meritiamo tutta! La musica, prima di tutto e sicuramente. Ma non solo! Le donne deejay che stimo si contano sulle dita di una mano, per il resto raccogliamo i frutti di quel che seminiamo: scarsa considerazione, ridicolizzazione e razzismo.
Mi fanno pena quelle che suonano con i cd premixati, perché fanno tanta scena ma non si divertono e non sapranno mai cosa vuol dire veramente fare questo “mestiere”. E mi fanno pena quelle che si definiscono “vere” e che si scandalizzano perché una suona in reggiseno e oltre, alla tecnica, sfoggia la propria bellezza… probabilmente perché non possono permetterselo!
Io suono da più di 20 anni. Metto a tempo vinili, cd e gioco col mio amatissimo traktor scratch pro. Non sono una “gnocca”, ma mi muovo parecchio, per cui ho spesso molto caldo e rimango in reggiseno dietro la consolle.
Rispetto tutti, c’è spazio per tutti… l’unica cosa che chiedo è di non dividere la mia (anche se mia provvisoriamente) consolle, o abbinare il mio nome su un flyer con cialtrone di ogni specie e provenienza. Su questo sono CATEGORICA.
Per il resto, cosa può pensare un professionista trovandosi di fronte ad una “fighetta” che mette su un cd e fa finta di alzare i cursori?
Penserà che siamo donne… solo donne! Come dargli torto?

K: Quanto "rosashokking" c'è nel tuo quotidiano?

M: Ultimamente molto. E’ quasi estate, sono felice, sono innamorata e il rosashokking è il colore del mio cuore in questo momento!

K: Cosa ti piace leggere?

M: Libri come tracce Mp3, tutorial di programmi, riviste di tecnologia e ogni mattina come prima cosa: LA GAZZETTA!!!

K: Puoi consigliarci 10 brani da mettere nell'ipod? Rosashokking, naturalmente..

- Accapella “Kelis” (2010 - Electonic )
- Alors on dance “Stromae” (l’unico uomo in scaletta) (2010 - Electro francese)
- Black eyed peace “Rock that body” (2009 - Pop/Rock)
- Kylie Minogue “All the lovers” (2010 - Pop/Dance)
- Beyoncé & Alicia Keys “Put it in a love song” (2009 - R&B)
- Lady GaGa “Alejandro” (2009 - Pop/Rock)
- Nina Zilli “L’uomo che amava le donne” (2010 - Soul/Pop)
- Giuliano Palma feat. Melanie Fiona “Nuvole rosa” (2010 - Pop/Rock)
- La NaNa ft. Fabiola “NaNa” (il mio disco) (2010 – dance)
- Dogshift vs Manuela Doriani “Vacanze Romane” (il mio remix in uscita in questi giorni per Energy D:Vision)



ECCO ALCUNI VIDEO DI MANUELA DORIANI..

www.youtube.com/manueladoriani


www.myspace.com/manueladoriani


www.myspace.com/djgirlmovement
  (DJ Girl Movement )

www.myspace.com/ladyjayitaly  (Ladyjay)


.. E MOLTI ALTRI LI POTETE TROVARE SULLA SUA PAGINA IN FACEBOOK
Tag:  Manuela Doriani, dj donna, Magazzini Generali, serate gay, consolle in rosa

Commenti

04-07-2011 - 12:37:29 - anonimo
io l'ho ascoltata diverse volte lavorare in disco....NON SE PO' SENTI'!!!! ritirati che c'hai l'età per la pensione
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni