Anita Shanti dj in consolle

In occasione di quest'ultimo bollente week end prima di salutarci per le vacanze estive, ospite di MRS, direttamente da Goa, una dj donna "cosmica", che con la sua energia dirompente si esibisce in consolle tra musica, danza e performance con il fuoco

di Karin Tononi

Pubblicato sabato, 28 luglio 2012

Rating: 4.8 Voti: 57
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Anita Shanti è nata in Kazakistan e vive in India, a Goa. In consolle suona i generi electro, techno, trance, progressive trance e psy-trance. Vive ogni dj-set con grande felicità: “Quando vedo tutta quella gente divertirsi e ballare, provo come la sensazione di essere tutti connessi in un’unica energia!”.
I portafortuna che ha sempre con se nelle sue serate sono un  anello con un serpente, le sue cuffie personali e le sue perle di rudraksha.
Ha moltissimi hobby: lo yoga, ballare, cantare, fare spettacoli col fuoco, ritoccare le foto, dipingere, cucinare, andare in palestra e praticare sport estremi: “Ho fatto snowboard per 14 anni”. Ama il paracadutismo, guidare la moto e imparare ancora tanto dalla vita. Provare il diving, ad esempio, è tra i suoi piani futuri!
Karin vs dj Anita Shanti
 

K: Ciao, puoi raccontarci com’è iniziato il percorso che ti ha portata in consolle?
dj Anita Shanti: Tutto è iniziato nel 1999 quando ballavo professionalmente in vari eventi e locali in Kazakistan. Allo stesso tempo studiavo  in un'accademia di danza contemporanea, così da coltivare le mie due passioni: la danza e la musica. La danza,  mi ha permesso di lavorare nei migliori locali notturni e nei migliori club del Kazakistan, dove sono stata riconosciuta come una delle migliori ballerine. Queste feste mi hanno fatto incontrare molti dj e artisti internazionali di musica elettronica. In quel periodo non mi rendevo ancora conto che stavo cercando qualcosa che mi portasse più vicino alla musica, una musica che si connetteva alla mia danza, naturalmente. Poi un mio caro amico dj/produttore, Moishami, ha detto che gli piaceva il mio approccio verso la danza e la musica e ha voluto insegnarmi a fare la dj. Così nel 2005 ho imparato, wow! Ho iniziato subito ad amare questo mondo. Nel 2006 ho fatto parte del team che è stato invitato anche nella vostra bella Sicilia!
Per il "Kazakhstan Days", una mostra culturale del nostro paese con musicisti, modelli, designer abbiamo fatto parte dello spettacolo caratterizzato da effetti speciali col fuoco.
Qui ho avuto la mia prima opportunità di fare la dj grazie a un organizzatore della festa. Da quel momento ho capito che essere dj significa essere il fulcro della festa: poter veder sorridere e ballare la gente per la tua musica è magia pura. Tornata in Kazakistan ho iniziato a creare il mio progetto mischiando le performance di danza con quelle del fuoco, facendo la dj e utilizzando strumenti dal vivo, ma era ancora solo un sogno. Intanto continuavo a ballare e studiare djing. Nel 2008, a Goa, in India, ho scoperto un luogo davvero incredibile, che mi ha spinta verso la musica trance. Nel 2009, in Kazakistan, con il mio parter di ballo e Zarina, la mia migliore amica, abbiamo dato il via al nostro progetto, “Soulspace”, che consisteva appunto in una performance di ballo, una di dj, una con il fuoco e si suonavano anche strumenti dal vivo.  Ma in Kazakistan la scena dei club allora non era molto aperta verso la nostra concezione di musica, così come la trance e la techno non erano a quei tempo di gran moda. Comunque ho tramutato il mio sogno in realtà e ho iniziato a esibirmi nel 2010 come dj Anita Shanti, ma non sembrava andare come avrei voluto. Dopo pochi mesi, a Osho Ashram di Pune, in India, ho scoperto l’unione più profonda con me stessa, con le mie emozioni e ho iniziato ad avere più fiducia in me stessa. Quindi ho deciso di vivere a Goa, dove mi sono concentrata esclusivamente nell’ambito dei dj-set. Il 2011 è stato un nuovo inizio e sono rinata come dj Anita Shanti. Oggi continuo a portare avanti il mio sogno di dj, ballerina e performer col fuoco.

K: Quali sono le caratteristiche per essere una dj?
dj Anita Shanti: Essere professionale e creativa in tutte le situazioni.
 
K: Se non fossi diventata dj, cosa pensi avresti fatto nella vita?
dj Anita Shanti: Ho un sogno, che non so quando potrà realizzarsi… magari tra pochi anni. E’ quello di aprire la mia scuola "Art-Shanti", con  yoga, danza, musica, pittura, tutto insieme come arte-terapia. Penso che in ogni caso la mia direzione sarebbe stata questa.

K: Quale tuo dj-set non dimenticherai mai?
dj Anita Shanti: Nel 2011 a Mumbai, al night club "Blue Frog". E 'stato una Mini festa Bluefrog della Digital Productions Om, che è anche il mio management e la mia etichetta. E 'stato un concerto incredibile con Zen Mechanics RECS Neurobiotic, dei Paesi Bassi.  Anche quest'anno, a Goa, ho organizzato le mie feste all'aperto, "Danza Cosmica" 1, 2 e 3, dove mi sono esibita in uno spettacolo col fuoco. E’ stata un’esperienza indimenticabile, che mi ha resa molto felice.

K: Hai mai suonato con altre dj donna? Con quale hai stabilito un particolare feeling in consolle?
dj Anita Shanti: Sì, molte volte, una delle mie migliori amiche è dj. Mi piace il suo stile e come mixa la musica. Lei è Zhannet (Loony Luna Records). Abbiamo una bellissima sintonia e tutte e due amiamo uno stile di vita sana. Non bere, non fumare, dieta vegetariana. Lei, addirittura, mangia esclusivamente cibo crudo.
 
K: Il tuo piatto preferito…
dj Anita Shanti:
Da mangiare:Mangio tantissima frutta, formaggio e gelato artigianale italiano. Il vostro gelato è eccezionale!
Da suonare:Techno e tutti i generi di trance (euro, prog, full on, psy, goa, forest)

K: Lo stilista che ami di più?
dj Anita Shanti: Ci sono designer e fashion designer incredibili che vengono a Goa ogni stagione, i progettisti underground più folli. I miei preferiti sono: "Chintamani", "LOVE.R.EVOL.UTION", "Spice Tribe". Poi adoro mescolare insieme diversi stili. E sono io la migliore stilista di me stessa! Ma non sono una patita di griffe e negozi alla moda.

K: Chi è la persona che più ammiri al mondo? Perché?
dj Anita Shanti:  Mia madre Raziya, perché ha un’energia incredibile. Grazie a lei ho questa buona sintonia con la musica, la danza, la natura, il cibo, lo stile e molto altro anccora. Lei, inoltre, mi ha sempre dato piena libertà. E’ tutta la vita che faccio tutto quello che voglio, ciò che ritengo più giusto e che scelgo da me per me stessa. Mi ha insegnato la libertà!

K: C’è il il titolo di una canzone, di un film, un motto o un modo di dire, oppure un tuo pensiero personale, che contenga la parola “Rosa” e che dedicheresti ai lettori di MRS?
dj Anita Shanti: Pink Floyd "Any color you like". E quando mi sento giù, uno dei miei colori preferiti è il rosa.
 
K: Ci puoi suggerire 10 “cosmic” tracks?
dj Anita Shanti: Certo, sono contenta di condividere con le ragazze queste tracce:

- Nina Hagen "Jai mata Kali"(1999 - world)
- Barrelhouse Jazzband "You are driving me crazy" (1993 - gypsy jazz )
- Parov Stelar “Fleur de Lille” (2008- nu-jazz/funky house)
- Phutureprimitive "Kinetik" (2011- dubstep)
- Butch "Amelie"(2008 – tech-house)
- Loopus in Fabula "Manamana" (2011- funkedelic /prog-trance)
- E-Clip "Asia tribe" (2011- prog-trance)
- Easy Riders "Easy dubsteps" Captain Hook remix (2011- prog.trance/dubstep)
- Indra "Come in India" Didrapest remix (2010- fullon)
- 1200Mics "96%" (2012- psy/trance)



dj Anita Shanti in the web:
Tag:  Anita Shanti dj, dj donna, trance, techno, Goa, danza, fuoco

Commenti

31-07-2012 - 18:21:31 - anonimo
full power anita bellisima super dj and suraj super fotografo
06-08-2012 - 16:52:09 - Neverpoint!
Cool! Rising star! And very keen woman)
21-08-2012 - 11:00:07 - A.Shanti
:)))
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni