Consolle in Rosa

Breve intro e ospiti speciali per il primo appuntamento con le Dj Rosashokking

di Karin Tononi

Pubblicato sabato, 5 giugno 2010

Rating: 4.7 Voti: 35
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Dj Barbar!na
Nasce su MRS “Consolle Rosashokking”, la rubrica dedicata ad incontri ed interviste con ragazze che “i piatti” li fanno suonare! Ed ognuna ci regalerà la propria playlist, con una selezione delle 10 songs da mettere nel nostro i-pod.

Ma prima di conoscere l’ospite con cui inaugureremo la rubrica, ho incontrato per voi Riccardo Sada che, insieme alla D’Argenzio Editore, ha fondato in Italia un’agenzia proprio di dj donne, la DJ Girl Movement, ed il marchio Ladyjay - di cui a breve uscirà anche un libro – che unisce tutte le dj del mondo e ne tutela la cultura. Una grande idea, dal momento che “siamo circa a 10mila, se non di più!”.

Karin: Ciao Riccardo, noi ci siamo conosciuti grazie alla musica, e la tua carriera è incentrata sulla musica: da giornalista musicale (e non solo) a dj, producer, remixer, fino all’apertura di un'agenzia di dj donne. Mi viene subito a chiederti: perché hai puntato sul sesso femminile?

Riccardo: “Ho puntato sulle dj perché parto dall’idea che la mia visione è italiana. Io vivo e lavoro in Italia e vedo che questo paese si schiera poco da parte delle donne che puntano sui contenuti. Tutti sembrano vedere e prendere in considerazione solo il lato esteriore della donna. A me la cosa non va giù. Vorrei rispetto per il lavoro e l’identità di ciascuno, ma purtroppo credo che la misoginia che aleggia nel mondo del lavoro spesso, troppo spesso, penalizzi la professione e l’identità di coloro che affrontano seriamente questa situazione”.

K: Quante dj donne ci sono in Italia?

R: “Difficile quantificare, anche perché tante sono alle prime armi, oppure tante sono speaker radiofoniche che si dilettano in consolle nelle discoteche. Diciamo che siamo sull’ordine delle trecento anime”.

K: Le dj vengono richieste per la musica che suonano? O più per il loro personaggio?

R: “Per entrambe le cose. Dipende sempre dalle esigenze dei pr, degli organizzatori dei party o dei proprietari di locali”.

DJ Girl Movement:
www.myspace.com/djgirlmovement


Ladyjay:
www.myspace.com/ladyjayitaly




Ed eccoci finalmente giungere al fulcro della prima puntata con le dj della nostra CONSOLLE ROSASHOKKING
Karin vs Barbar!na


Barbara Fava, in arte Barbar!na, è nata e vive a Milano. Attualmente i generi che suona in consolle sono elettronica, fidget e rock ed è dj resident dell'Amnesia (Milano) e all'Hotel Principe di Savoia (Milano), all'Oink!Oink! Party di Ibiza e per l'omonimo club che aprirà a settembre a Madrid. Una curiosità che la contraddistingue? Nei suoi dj set inserisce sempre degli special tendenti al rock e le piace esibirsi indossando abiti che richiamano gli anni ’50, reinterpretando lo stile pin-up in chiave tutta moderna.


Karin: Ciao Barbarina e benvenuta. Tanto per rompere il ghiaccio, puoi raccontarci come hai fatto a diventare dj?

Barbar!na: Mio padre gestiva dei locali notturni a Milano ed essendo – orgogliosamente - una delle poche figlie ad aver scelto di restare col papà in tempi di separazione dei genitori, quando lui il pomeriggio andava a lavorare, per non voleva lasciarmi da sola, spesso mi capitava di seguirlo.
Giocaci un giorno, giocaci un altro, i resident djs dell'Astoria (Andrea e Danielino Belcastro e Franco MK) mi insegnarono a mettere a tempo i dischi. Si parla dei miei 12-13 anni.
A 19 il primo "impiego" presso il DeSade di Milano per la serata Electro:Punk. Ed il resto è "storia"!

K: Chi è il tuo "guru" in consolle?

B: Il posto se lo contendono due djs. Da una parte l'elettronicissimo Boys Noize: quando vado alle sue serate, in genere sono sempe attaccata alle transenne dietro la consolle a guardare come lavora, mentre salto e ballo come una matta. Sfortunatamente non capita spesso in Italia, ma quando arriva io ci sono sempre (salvo miei impegni come deejay). Sogno una produzione con lui, e se devo sognare, lo faccio in grande. Amo i suoi remixes dei Depeche Mode e di Marilyn Manson (io arrivo dal rock) e le sue collaborazioni con i Justice.
Dall'altra l'italiano Get Far Fargetta: il Deejay Time è storico. E lui è una delle colonne portanti del clubbing italiano, fa ottime produzioni con le quali si è schiodato dal ruolo di dj radiofonico elevandosi a portata internazionale.Tra i suoi pezzi che preferisco c'è Midnight del 95, The Radio del 2009 e I don't know why del 2005. Inoltre è un gran bell'uomo - parlando da donna a donne! - ed è sportivo come me. Se non fosse occupato.... Anche l'occhio vuole la sua parte, no?

K: Quale dj set (suonato da te) non dimenticherai mai e perchè?

B: Ce ne sarebbero un pò.. La prima volta che suonai al DeSade e quindi il mio battesimo come dj. La dj competition al Rolling Stone di Milano, gara che poi vinsi sbaragliando i maschietti! La mia prima volta ai Magazzini Generali di Milano come supporter ai The Bloody Beetroots (piansi dall'emozione quando mi chiamarono per dirmelo..). Il BNN di Oristano nel luglio 2009, anche perchè amo la sardegna. Oppure quando suonai in Germania per questo Sceicco che, avendo deciso di dare una festa privata allo Schlosshotel Bühlerhöhe, chiamò me, le Queensberry (gruppo d'apertura dei concerti delle Pussycat Dolls), il percussionista di Sting e altri artisti di fama internazionale per esibirci. Che notte ragazze...

K: Quella della dj donna è una figura molto richiesta. Secondo te ci sono ancora distinzioni tra uomo o donna dj? Possiamo dire che l'importante è la musica, o fa ancora differenza il sesso in consolle? (Topless dj a parte..)

B: Vorrei che non ci fosse. Ma c'è. E ce la fanno pesare. Se ne parlava al DJ Clinic 2010. Samantha Garofalo ed io siamo salite sul palco a parlare proprio di questo e di come molte ragazze abbiano quasi "paura" a farsi avanti per colpa di mancate veline che decidono di darsi al djing pensando che tutto sia facile come leggere un gobbo. Il risultato finale è che viene messo in ridicolo un lavoro che, per chi lo fa con passione, credendo in ogni singola goccia di sudore da regalare al mondo della notte, costituisce invece il grande amore di tutta una vita.

K: Quanto "rosa" c'è nel tuo quotidiano?

B: Tantissimo. In realtà sono una ragazza molto sportiva, pratico kite surf da un anno e mi diletto con la maratona da 5km da quest'anno. Inoltre nella mia vita c’è stata la lunga passione per la ginnastica artistica e ritmica insieme al Karate e all'equitazione ...7 giorni su 7 tra gare e allenamenti. Per non parlare dello sport a scuola. 13 anni di calcio alternato con la pallavolo.
Ma nonostante tutto, ho sempre amato le scarpe col tacco, i sandali aperti...e gli abiti iper femminili, specialmente se ispirati agli anni '50. Amo i corsetti, i reggicalze, e la lingerie. Poi mi piace da morire vedere l'espressione del mio uomo quando scorge il reggicalze per un mio movimento "involontario", o lasciarlo a bocca aperta quando gli apro la porta con l'ultimo completino acquistato.
Curo molto i miei capelli, li ho sempre portati lunghi e in questo periodo mi sono fatta rossa - anche se poi il mio colore naturale è il biondo. Dedico anche lunghe sedute alla cura delle mani e dei miei piedini! Adoro truccarmi: eyeliner, rossetto rosso, oppure matita e labbra nude. Dipende quanti baci so di dover spedire quel giorno! E tanto tanto tanto mascara per avere uno sguardo da gattina. Cosa che mi riesce davvero bene, devo ammetterlo.. Ahahahah!


K: Puoi consigliarci 10 brani da mettere nell'i-pod di MRS, rosashokking naturalmente!

B: Certo! Non sono in ordine di preferenza.. E bisogna tener presente che ho voluto fare una chart tutta in rosa proprio per l'occasione, che quindi contiene solo artiste, con l’esclusione di Leona Lewis, Kelly Clarkson e molte altre di tutto rispetto...

Why don't you it right? - Peggy Lee (1942 - blues/jazz)
Bang Bang - Nancy Sinatra (1966 - pop)
Ain't no other man - Christina Aguilera (2006 - pop)
Nobody's Wife - Anouk (1997 - rock)
Ironic - Alanis Morissette (1995 - rock)
Sky - Sonique (2000 - electrodance)
Lady Marmelade - Christina Aguilera, Mya, P!nk, Lil'Kim & Missy Elliott (2001 - cover funk pop)
Trouble - P!nk (2003 - rockpop)
Who knew - P!nk (2006 - pop)
So what? - P!nk (2008 - poprock)


Barbarina dj:
http://www.myspace.com/barbarinadj

Tag:  Dj donne, Riccardo Sada, Ladyjay, Dj Barbarina, Playlist

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni