Dj Blush in Consolle

Ancora una giovane dj Made in UK ospite della nostra Consolle Rosa Shokking. Appassionata di danza, dalla classica alla pole-dance, un po' Twiggy nel look, ha conquistato le più famose consolle londinesi, dimostrando ai suoi amici (uomini) che anche le donne sanno mixare, e sanno farlo davvero bene!

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Nicola, in arte dj Blush, è nata e vive ad est di Londra.

I suoi generi preferiti sono soprattutto la deep e tech house. Suona una volta al mese al The Egg e al Pacha di Londra. Quando è in consolle prova una sensazione di benessere interiore e la stanchezza svanisce, grazie all'energia trasmessa dal suo pubblico nel dancefloor.

Le piace anche ballare. Ha infatti praticato danza, dalla classica al tip tap, dall'età di 4 anni fino ai 20. Quindi ha iniziato a fare la DJ e questa passione ha preso il sopravvento su tutto il resto.

Negli ultimi tempi, Blush, ha però deciso di tornare alla danza cimentandosi in una disciplina piuttosto altenativa, la pole-dance: “La pole-dance mi a fatto riscoprire l’amore per la danza, e dopo aver frequentato di recente un corso, ho messo un palo sia a casa che nel mio studio, dove tengo anche tutta la mia attrezzatura di dj. Così mentre ascolto la musica house, spesso ballo la pole-dance. Penso che sia il modo migliore per testare le mie nuove tracce dance”.


Karin vs dj Blush
 
K: Ciao Blush, quando e come hai iniziato il tuo percorso da dj?
Dj Blush: Avevo 17 anni e spesso andavo ai rave o nei club con molti amici più grandi di me. Un giorno, finalmente, ho trovato il coraggio e ho chiesto se potevo suonare anch'io. E la risposta che ho ricevuto è stata: “Non essere stupida Nicola, le ragazze non mixano ”.
Inutile dire che mi sono sentita molto in imbarazzo di fronte a questa reazione.
Una settimana dopo mio padre mi chiese cosa volevo per Natale e io gli dissi che desideravo una consolle e un mixer, che poi ricevetti. Quindi non ho cominciato proprio con l’intento di diventare DJ… ero più che altro decisa a voler dimostrare a quei ragazzi che si sbagliavano, e che anche le ragazze potevano mixare. Così ho comprato 10 dischi house e mi sono chiusa in camera per mesi, imparando da autodidatta il mixaggio. Rifiutavo di farmi vedere da chiunque. Dopo tre mesi suonavo in una delle maggiori radio pirata di Londra, chiamata FREEK FM, proprio dove c’erano gli stessi ragazzi che mesi prima mi avevano detto che le ragazze non erano fatte per stare in consolle. Beh, in quel momento erano tutti lì seduti, intenti ad ascoltare il mio show radiofonico.

K: La tua è più passione per la musica o per il clubbing?
Dj Blush: Ho sempre amato la musica e penso che la passione provenga proprio da essa, ma per essere un buon dj, credo che occorra avere un passato da clubber. Il mio motto è: anche se tu sei una dj, devi sempre mettere piede in una discoteca stando dalla parte del pubblico. Mai dimenticare che è il dj a creare l’atmosfera dei party e a dover essere in grado di far ballare un sacco di gente.

K: Qual è stato il primo vinile che hai comprato?
Dj Blush: Il primissimo vinile che ho preso lo acquistai molto prima di diventare dj... era un album di Tony Basil, e la mia canzone preferita si chiamava “Hey Mickey”.

K: Se non fossi diventata una dj, che cosa avresti fatto nella vita?
Dj Blush: Penso che avrei proseguito con la danza e sarei diventata un’insegnante, magari di Tip Tap e danza classica.

K: Ricordi un tuo dj-set in particolare che ti è rimasto nel cuore?
Dj Blush: Probabilmente il mio primo dj set al Ministry of Sound. E’ stato molto snervante ed eccitante allo stesso tempo. Ho avuto una risposta davvero incredibile da parte del pubblico quella sera, feci un buon dj-set che non mi dimenticherò mai. Ancora oggi i miei colleghi dj mi ricordano per quella prima volta in cui mi esibii lì.

K: Tra le dj che abbiamo intervistato, chi hai avuto modo di conoscere durante le tue serate?
Dj Blush: Miss Kelly Marie, per esempio, che hai appena intervistato, è adorabile… ci conosciamo da anni, grazie alla nostra attività di dj. Non riusciamo a vederci spesso dato che siamo sempre occupate col lavoro. Mi ricordo, però, che una volta ci siamo incontrate per caso in un aeroporto: io stavo prendendo un volo e lei un altro. Ci siamo viste per una cena e abbiamo preso un drink un paio di volte, ma non riusciamo mai a frequentarci come vorremmo. Kelly è un’amica stretta al pari dei miei collaboratori, è una donna incantevole, oltre ad avere un talento straordinario come dj e produttrice.

K: Che rapporto hai con il viaggio?
Dj Blush: Amo viaggiare anche se può essere faticoso, ma posso permettermi di visitare paesi differenti e culture diverse. Sono una ragazza avventurosa e dato che viaggiare fa parte del mio lavoro, posso ritenermi una privilegiata.

K: Sei già stata in Italia?
Dj Blush: Sono stata in Italia sia per dei dj-set sia in vacanza. E’ uno dei miei paesi preferiti!

K: Quale mezzo di trasporto preferisci per viaggiare?
Dj Blush: Il mezzo più veloce.

K: Qualè il tuo look da dj? E nel quotidiano?
Dj Blush: Di giorno indosso jeans e t-shirt, quando suono in consolle mi piace vestirmi con abitini di marca: ne possiedo una collezione! Basta non essere troppo scomoda per il mio lavoro.

K: Dove vai a fare shopping abitualmente?
Dj Blush: Faccio shopping on-line o nel West End di Londra.

K: Chi è il tuo stilista preferito?
Dj Blush: In realtà non ho uno stilista preferito, amo le t-shirt di Chateau Roux e ho anche una sua magnifica giacca da baseball. Hanno un negozio on-line e a Londra mi sono fatta fare da loro anche dei vestiti su misura.

K: C'è il titolo di una canzone con la parola “pink” che vorresti dedicare alle lettrici di MRS?
Dj Blush: “Pink Sunshine” by Fuzzbox, una vecchia canzone anni ’80 che mi faceva sempre scatenare quando ero una bambina.

K: Potresti suggerire alle ragazze di “Mondo Rosa Shokking” 10 tracce da ascoltare?
Dj Blush:

Bill Withers “Use Me” (1972 - rhythm/blues)
The Pretenders “Brass In Pocket” (1979 - rock/new wave)
Salt-n-Pepa “Push It” (1986 - pop rap urban/golden age rap)
Doug E Fresh & The Get Fresh Crew MC Ricky D “The Show” (1985 - hip hop)
Urban Soul “Alright” (1991 - electronic)
Noir & Haze (Solomon Vox Remix) “Around” (2011 - electronic)
Aquarius Heaven “Cant Buy Love” (2011 - house)
Alex Arnout “Hold On” (2012 - electronic/deep house)
Osaze feat Jaidene Veda (Jimpster Remix) “Sunday” (2010 – electronic/deep house)
Mutiny (Masters at Work Remix) “Bliss” (1998 – electronic/deep house)

Dj Blush sul web:
Tag:  Dj Blush, consolle rosa shokking, Londra, danza, pole-dance, dj donna, deep house

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni