Dj Mel in Consolle Rosa Shokking

Arriva dall'Australia la nostra ospite di questo week end dance di inizio giugno. E se dal padre ha ereditato la passione per la consolle, il nonno le ha tramandato importanti valori famigliari, un perfetto mix che fa di Mel una ragazza e una dj d'oro, il suo colore preferito

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Melissa Theocharous, in arte DJ MEL, è nata e vive a Sydney, in Australia. Suona principalmente ogni sabato alla serata all’Oxygen @ V Bar and Tea Gardens Hotel di Bondi, e i suoi generi musicali preferiti sono House, Electro, Progressive, Funky, 80s.
La persona che ammira di più è suo nonno Dimos, perché vede in lui umiltà, forza e saggezza che rappresentano fonti di grande ispirazione: “Mi ha sempre affascinato il suo coraggio e la sua storia di migrazione solo con una valigia, per iniziare una nuova vita, come molti altri immigrati italiani o greci hanno fatto prima di lui. Ammiro il modo con cui ci ha guidati, tramandandoci i veri valori della famiglia. E da lui ho imparato alcune lezioni di vita fondamentali, che nessun libro avrebbe mai potuto insegnarmi”.

Karin vs dj Mel
 
K: Ciao, quando hai deciso di intraprendere la carriera di dj?
dj Mel: Mio padre era dj negli anni ’80, di conseguenza si è trattata di una mia naturale inclinazione. Ho iniziato fin da piccola con le mie performance e a 6 anni, la famosa Little Miss Patty, mi ha consegnato un prestigioso premio musicale, incoraggiandomi a proseguire nel campo della musica. Ho fatto parte anche di numerosi importanti gruppi, con i quali ho arricchito ogni giorno di più la mia esperienza, esibendoci in centri commerciali, stadi di football, e in molti concerti. Poi, quasi 3 anni fa, ho deciso di diventare DJ e dopo pochi mesi ero in consolle. Ho realizzato performance al Pontoon Bar, Al Docks Hotel e all’Home NightClub. Fino ad oggi ho fatto la DJ nei migliori 25 club di Sidney e ho partecipato ad alcuni eventi di grande rilievo in questa città, tra cui il Mikonos Festival all’Home NightClub, dove c’erano più di 25mila persone. Quest’anno ho debuttato all’Ivy, per uno dei suoi più grandi eventi: l’Anzac Day.

K: La tua è più passione per il club o per la musica?
dj Mel: Assolutamente per la musica. La musica è la mia vita. Mi permette di esprimermi al massimo.

K: Qual è invece il tuo hobby?
dj Mel: Ho una passione segreta per la tecnologia, ho creato siti web oltre ad aver realizzatto campagne per Social Media. Inoltre, grazie alla mia esperienza nel campo del marketing, sono Brand Ambassador e modella promozionale per alcune di agenzie che lavorano per Woolworths, Daily Telegraph, Havaianas, etc…

K: Qual è stato il primo cd/vinile che hai comprato?
dj Mel: Peter Andre,“Mysterious Girl”.

K: Quanto tempo hai impiegato per imparare a mixare?
dj Mel: Ho fatto un mese di pratica prima della mia prima grande esibizione a Melbourne.

K: Se non fossi diventata dj, cosa pensi avresti fatto nella vita?
dj Mel:Premettendo che la mia vita è fare la DJ, naturalmente so fare anche molte altre cose, con talento. Ho avuto la possibilità di intraprendere diverse strade, ma chiaramente il mio obiettivo è avere successo nell’industria musicale.

K: Hai suonato in molti eventi, quale ricordi particolarmente?
dj Mel: Quando mi sono esibita come “spalla” di Roger Sanchez + The Aston Shuffle, all’Ivy Nightclub. C’era una folla entusiasta ed entusiasmante che seguiva la mia performance.

 
K: Com’è il tuo look quando suoni? E durante la giornata?
dj Mel: Quando sono in consolle indosso abiti con colori accesi, gioielli appariscenti, trucco pesante, lacci e stringhe di pelle. Ho un amore profondo per l’oro, che utilizzo per i miei accessori, vestiti e anche le mie cuffie sono color oro!!! Durante il giorno, trucco naturale, jeans e magliette casual.

K: Come descriveresti le ragazze nei club australiani?
dj Mel: Direi molto aperte e alla mano, socevoli e generalmente amanti delle belle feste!

K: Chi è il tuo “guru” in consolle?
dj Mel: Armin Van Buuren, ho atteso con ansia un suo concerto nell’aprile del 2011 qui a Sidney, e la sua performance fu eccezionale. Non solo ha una capacità di mixare incredibile, ma riesce a creare insieme alla musica una performance eccezionale con un gioco di luci, laser e grafica.

K: Hai suonato con qualche donna-dj? Con chi ti sei trovata particolarmente bene?
dj Mel: Fino adesso non ho mai suonato con una donna DJ, ma ho suonato con Sax on Legz, una sassofonista di Sidney, che ha un talento incredibile e mi sono trovata benissimo a lavorare con lei.

K: C’è il titolo di una canzone o di un film, un modo di dire con la parola rosa/pink che vorresti citare qui, per la nostra Consolle Rosa Shokking?
dj Mel: “I believe in pink….Credo nel "rosa". Credo che ridere sia il modo migliore x bruciare calorie. Credo nei baci; molti baci. Credo nel diventare forte quando tutto sembra andare storto. Credo che le ragazze felici siano le ragazze più belle. Credo che domani sarà un altro giorno, e credo nei miracoli."― Audrey Hepburn

K: Puoi indicare alle lettrici di Consolle Rosa Shokking dove è possibile ascoltare un tuo brano mixato?
dj Mel: Certo, potete ascoltarmi qui:  www.soundcloud.com/djmel


dj Mel live nel web:
 
                         
R&B                    
www.youtube.com/watch?v=EQqAw6QQ6E8
 
Tag:  Dj Mel, dj donna, Australia, House, Electro, R&B, Anzac Day, marketing

Commenti

02-06-2012 - 14:08:40 - Io
Qualcuno lo sa ancora che Console si scrive con una ELLE e non con 2?
02-06-2012 - 14:57:06 - Cocca
Probabilmente in pochi dato che viene scritto in entrambi i modi (io personalmente l'ho sempre letto e visto con 2). Cmq immagino che tu abbia ragione. Sarà una delle solite parole che a forza di essere usate scorrettamente ormai le sbagliano tutti :-))
03-06-2012 - 22:07:09 - Io
Probabile!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni