A casa di Jane Austen di Lucy Worsley

Il libro ideale per chi ama la scrittrice inglese e desidera approfondire la conoscenza sulla sua vita privata

di Laura Argelati

Pubblicato lunedi, 4 giugno 2018

Rating: 5.0 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Neri Pozza
Nei romanzi di Jane Austen sono descritti eleganti palazzi cittadini o residenze di campagna circondate da ampi giardini. Purtroppo però non ebbe lei stessa la fortuna di potersi permettere simili abitazioni: i guadagni dai libri erano modesti e quando il padre venne a mancare, Jane e la famiglia vissero in un susseguirsi di abitazioni temporanee in affitto o presso parenti.

Forse proprio questa precarietà ed il desiderio di un’accogliente dimora, la spinsero a collocare i personaggi dei suoi romanzi in case spaziose e raffinate.

L’autrice Lucy Worsley nelle pagine di “A casa di Jane Austen” edito da Neri Pozza ci racconta delle abitazioni in cui hanno vissuto gli Austen, delle dinamiche familiari che hanno visto protagonisti Jane e i suoi cari, della loro quotidianità, dell’educazione impartita alla scrittrice, del suo legame particolare con la sorella Cassandra.

Il libro ideale per chi ama la scrittrice inglese e desidera approfondire la conoscenza sulla sua vita privata, le vicende e le vicissitudini che l’hanno scandita.

Lucy Worsley è curatrice presso l’ente Historic Royal Places. Per la BBC ha condotto e curato il programma “Jane Austen: behind closed doors” incentrato sulle case in cui la scrittrice ha vissuto o soggiornato.


26 aprile 2018, Neri Pozza Editore
pp. 480
Prezzo di copertina €19,00
Tag:  A casa di Jane Austen, Lucy Worsley, Neri Pozza, Jane Austen, Vita privata, Dimore, Abitazioni, Inghilterra

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni