Aglio, olio e assassino di Pino Imperatore

Un giallo in salsa partenopea ricco di suspense e di ironia

di Laura Argelati

Pubblicato giovedì, 12 luglio 2018

Rating: 5.0 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of DeA Planeta Libri
Gianni Scapece, ispettore capo del nuovo commissariato di Mergellina, fa ritorno a Napoli dopo aver passato molti anni fuori città per altri incarichi.

Appena rientrato, nella settimana precedente al Natale, deve occuparsi di un singolare assassinio: un corpo denudato, con la testa fracassata e macabramente accerchiato dagli ingredienti per una pasta aglio, olio e peperoncino.

Il primo passo è scavare nel presente della vittima Amedeo Caruso, fatto di serate nei locali notturni e incontri occasionali. Alla prima vittima ne segue una seconda e di nuovo fa la sua comparsa la presenza del peperoncino vicino al corpo della fioraia.


Per staccare la spina dalle intricate indagini, l’ispettore Scapece si rifugia nella trattoria Parthenope della famiglia Vitiello instaurando con il gestore e il figlio un ottimo rapporto, al punto che loro stessi si ritroveranno a essere d’aiuto nelle indagini.

L’assassino sta sfidando Scapece, recapitandogli a casa prelibatezze condite con peperoncino: gamberi, linguine, pollo alla diavola. Quale è il significato di questo ingrediente ricorrente? Quale pista dovranno percorrere l’ispettore e il commissario Improta per giungere alla soluzione di questa enigmatica e insolita catena di omicidi che sta spaventando la città di Napoli?

“Aglio, olio e assassino” di Pino Imperatore edito da DeA Planeta è un giallo in salsa partenopea ricco di suspense ma anche sapientemente condito di ironia, in cui le indagini si intrecciano gli episodi divertenti ambientati tra le mura della trattoria Parthenope.


Luglio 2018, DeA Planeta
pp. 368
Prezzo di copertina €15,00
Tag:  Aglio olio assassino, Pino Imperatore, DeA Planeta, Giallo, Napoli, Omicidi, Indagini, Suspense

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni