Baci, sabbia e stelle di Marilena Boccola

Il 1982 è stato un anno importante. E non solo per i mondiali...

di Silvia Menini

Pubblicato lunedi, 8 agosto 2016

Rating: 5.0 Voti: 1
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Harper Collins
Il 1982 è stato un anno memorabile. L’anno dei mondiali. L’anno in cui l’Italia è diventata campione del mondo e ha sconfitto la Germania. Ma anche l’anno dei primi amori per tanti adolescenti, e dei primi batticuori.

Finiamo di guardare la partita in silenzio, anche se mi è difficile ignorare la sua presenza dietro di me. Al secondo goal di Rossi, ci ritroviamo abbracciati, a saltare di gioia, come tutti gli altri lì al bar, ma la differenza è che io mi sento maledettamente consapevole della sua pelle appiccicata alla mia, del suo alito caldo sul collo che scivola su di me, come tiepida brezza marina, fino al ventre e più giù.
«Siamo in finale! Siamo in finale!» grida infine mio fratello, ancora più orgoglioso di chiamarsi Paolo, mentre noi ci sciogliamo imbarazzati, improvvisamente consci dell'eccessiva vicinanza.

Maddalena è una adolescente come tante. Con la famiglia, come ogni anno, va a Jesolo in vacanza e qui conosce Michele, un bagnino del bagno a cui si appoggiano e per il quale sente il cuore battere forte. Sono le prime emozioni vere per Maddalena e vi si lascia trascinare con facilità. Gli scambi di sguardi, le corse in spiaggia per vedersi, anche solo di sfuggita, il batticuore che non lascia alcun dubbio a quello che sta nascendo tra di loro.

«Ehi, dove scappi?» Forte della nuova confidenza tra i nostri corpi, mi attira contro il suo petto giovane, le mani ardenti sui miei fianchi, gli occhi nei miei.
Prendendomi alla sprovvista, si china a baciarmi, ma stavolta non si tratta di un bacio tenero e casto come il primo; la sua bocca che schiude la mia ha dentro l'impellenza di altri baci e la smania di carezze ardite, tanto da spaventarmi un po' per la passione ancora sconosciuta che racchiude. Il desiderio che sento nelle sue mani è una freccia infuocata, scagliata verso terre finora inesplorate, che ora si sciolgono come lava.

Il romanzo alterna i punti di vista dei due protagonisti: Maddalena e Michele, e permette di vivere con loro questo primo amore che è arrivato senza essere atteso e che piano piano ha preso il sopravvento per entrambi, con tanto di speranze, sogni ma anche paure.

È la storia che una Maddalena ormai adulta rivive una sera d’estate… quando i figli reclamano attenzione e il marito si acciglia per il suo essere sempre in un posto diverso con la mente. È una Maddalena che ha vissuto una vita felice e che, alla soglia dei cinquant’anni, rivive con nostalgia il passato.

"Baci, sabbia e stelle" è un romanzo breve ma, per questo, non meno intenso. Scritto con uno stile scorrevole e fluido, si viene trascinati in un nostalgico racconto ambientato negli anni ottanta. Per poi finire oltre ed essere catapultati nuovamente, insieme alla protagonista, nel presente.



30 giugno 2016, Harper Collins
pp. 93
prezzo di coperina 2,99 euro
Tag:  Baci sabbia e stelle, Marilena Boccola, Harper Collins Italia, Jesolo, mare, sole, vacanze, mondiali, 1982

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni