Cenerentola e la scarpetta di pelo

Una favola non convenzionale all’insegna dell’ironia. Di Davide Calì e Raphaëlle Barbanègre

di Laura Argelati

Pubblicato lunedi, 8 gennaio 2018

Rating: 5.0 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of EDT edizioni
Conosciamo tutte la Cenerentola oberata dalle faccende domestiche e succube dei capricci della matrigna e delle sorellastre, ma che giorno dopo giorno riesce comunque a sorridere e conservare la speranza nonostante tutto. Una costanza ripagata dall’incontro con il bel principe azzurro, per vivere finalmente felici e contenti per il resto dei loro giorni.

Davide Calì e Raphaëlle Barbanègre ci presentano invece una Cenerentola ben diversa: sempre alle prese con matrigna e sorellastre acide e viziate, si, ma stavolta ben più disincantata. E come se non bastasse la sua indole, anche ciò che la circonda non facilita certe il sogno a occhi aperti: la fata madrina è un tipo strampalato e dal dubbio buon gusto in fatto di moda, la zucca è stata sostituita da una rapa, il castello non è affatto come Cenerentola lo aveva immaginato e…le scarpette non sono di cristallo bensì di pelo!

Ciliegina sulla torta, un principe decisamente deludente.

Cenerentola però non si scoraggia e capisce che anche se niente è come lo aveva immaginato e idealizzato, per essere felice e libera può essere proprio lei la miglior artefice del proprio destino.

“Cenerentola e la scarpetta di pelo” di Davide Calì e Raphaëlle Barbanègre è una storia coloratissima e ironica edita da EDT nella collana Sottosopra, pensata per giovani lettori e lettrici a partire dai 5 anni.


2 novembre 2017, EDT
pp. 36
Prezzo di copertina €13,50
Tag:  Cenerentola e la scarpetta di pelo, Davide Calì, Raphaëlle Barbanègre, EDT, Cenerentola, Collana Sottosopra, Destino, Autonomia, Libertà

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni