I guardiani della storia di Elisabetta Cametti

Avidità, coraggio, passione, terrore: Elisabetta Cametti ha scritto un thriller magistrale, con un ritmo e una tensione davvero rari

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Giunti
“Era nelle viscere della Terra, in una stanza segreta scavata millenni prima. Stava inseguendo una verità che forse non avrebbe mai scoperto, accompagnata da un assassino sanguinario. L’istinto, il senso innato della giustizia, lo spirito di sopravvivenza si mescolavano nelle sue vene e la guidavano come una mano invisibile.”

Non lasciatevi spaventare dalle 630 pagine. Perché ancor prima che ve ne accorgiate, arriverete alla fine. I guardiani della storia è un libro che tiene col fiato sospeso dalla prima all’ultima riga. Un libro accattivante, ricco di mistero e di suspense, un mix tra lo storico e il fantasy.

Bruce Aron, amministratore delegato della 9Sense Publishing, si toglie la vita sparandosi un colpo alla tempia. A trovarlo è Katherine Sinclare, il suo braccio destro nonché direttore generale dello stesso colosso editoriale.

Ma perché Bruce, dopo averla chiamata d’urgenza, si è suicidato?

Una volta superato lo choc iniziale, Katherine trova una chiavetta USB con su scritto il proprio nomignolo: “fighter”. Scoprirà in seguito contenere un file criptato, costituito da alcune fotografie di reperti etruschi, che deve cercare di decifrare. E chi la può aiutare se non il fidato amico di Bruce, Jethro, che capisce di essere stato chiamato dall’amico proprio per assistere e proteggere Katherine?

Il supporto USB è solo il primo degli indizi che raccoglieranno che, insieme agli altri, li condurranno al lago di Bolsena, presso uno dei siti archeologici più misteriosi della storia. I due si ritroveranno così nelle viscere della Terra, invischiati in un cerimoniale oscuro appartenuto a una delle civiltà più affascinanti: gli Etruschi. L’isola Bisentina era infatti considerata dagli Etruschi il fulcro spirituale di tutta l’Etruria.

Katherine non ha più nulla da perdere: dopo il suicidio di Bruce è stata licenziata, i suoi lavori sequestrati e il nuovo amministratore delegato del gruppo sta cercando in tutti i modi di affossarla, portandola anche a giudizio. Non le resta quindi che continuare a indagare su cosa abbia spinto Bruce al suicidio nella speranza di riappropriarsi della propria vita.

Cosa lega, dunque, la 9Sense Publishing a quel luogo? In cosa era implicato Bruce? Cosa sta per accadere e come possono Katherine e Jethro scoprirlo e fermare l’impossibile?

Il personaggio di Katherine incarna la nuova eroina contemporanea: bionda, combattiva, porta spesso i tacchi alti, dorme solo quattro ore per notte e adora gli animali. Katherine è caparbia e combattiva, ama le sfide ed è estremamente abile e dedita al lavoro. Vive a Londra in un appartamento che condivide con il suo gatto Silvestro ed è pronta a lottare per le cose in cui crede. È un’eroina ma anche una persona comune, che vi farà innamorare pagina dopo pagina.

Elisabetta Cametti, finalmente un’italiana che tiene testa a Dan Brown e Clive Cussler. E speriamo che il seguito non si faccia attendere…
 

Elisabetta Cametti è nata nel 1970 in una piccola località ai piedi del Monte Rosa. Si è laureata in Economia e Commercio e ha intrapreso la strada del marketing. Dopo circa vent’anni di esperienza in importanti multinazionali, ha scelto di dedicarsi alla sua passione di sempre iniziando così la carriera di scrittrice. I guardiani della storia è il suo romanzo di esordio, il primo di una serie che ha per protagonista l’affascinante Katherine Sinclaire.


23 ottobre '13, Giunti Editore
pp. 640
prezzo di copertina: 14,90 euro
Tag:  I guardiani della storia, Elisabetta Cametti, Giunti, thriller, etruschi, cerimoniale, suicidio, eroina

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni