Il fotografo di Mauthausen di Salva Rubio, Pedro J. Colombo e Aintzana Landa

Un volume intenso e crudo, da leggere con il groppo alla gola e gli occhi lucidi, per non dimenticare il sacrificio di migliaia di vite umane

di Laura Argelati

Pubblicato lunedi, 5 febbraio 2018

Rating: 5.0 Voti: 8
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Mondadori Comics
Nel gennaio 1941 il fotografo spagnolo Francisco Boix viene condotto al campo di prigionia di Mauthausen, a causa della sua militanza nel Partito Comunista.

Già da quel primo viaggio di arrivo al campo vede quanto sono disumane le condizioni dei prigionieri, per non parlare di ciò che vivrà giorno dopo giorno, per anni, all’interno di quel lager: freddo, fame, sforzi fisici disumani, percorre, angherie, violenze e soprattutto tante, troppe morti. A centinaia, a migliaia.

Francisco vedrà un numero altissimo di compagni morire nei modi più disparati: spinti giù dal burrone di una cava, sbranati dai cani delle S.S., folgorati contro la rete elettrica che delimita il campo, fucilati, impiccati, utilizzati per esperimenti scientifici.

Il dolore e la rabbia gli daranno la forza di perseguire un obiettivo: quello di raccontare al mondo ciò che sta accadendo nel lager, mentre al di fuori dei confini del campo i tedeschi vogliono far credere che niente di terrificante accada.

Grazie al suo talento di fotografo, Francisco sarà chiamato da un capo delle S.S. a svolgere il proprio lavoro, perché incredibilmente e assurdamente chi entra a Mauthausen non viene fotografato solamente all’ingresso per essere identificato e schedato, ma anche nel momento in cui la vita si spenge…

“Anche se quelle persone morivano, la loro verità e il loro ricordo
sarebbero rimasti impressi per sempre nella mia pellicola”
 
Non sarà facile sviluppare le foto che testimoniano angherie e morti, ne conservarle di nascosto e farle uscire dal campo, ma Francisco con tenacia e coraggio riuscirà nel suo intento, diventando un testimone al processo di Norimberga efacendo vedere al mondo intero quale era davvero la squallida e disumana vita quotidiana nei campi di prigionia.

La graphic novel di Salva Rubio, Pedro J. Colombo e Aintzane Landa edita da Mondadori Comics narra la vera storia di Francisco Boix, matricola 5185 al campo di concentramento di Mauthausen.
Un volume intenso e crudo, da leggere con il groppo alla gola e gli occhi lucidi, per non dimenticare il sacrificio di migliaia di vite umane.


28 gennaio 2018, Mondadori Comics
pp. 150
Prezzo di copertina €12,99
Tag:  Il fotografo di Mauthausen, Salva Rubio, Pedro J. Colombo, Aintzane Landa, Mondadori Comics, Campo di prigionia, Mauthausen, Campo di concentramento, Lager

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni