Il sogno di Martin di Dino Ticli

Un bambino che sogna uguaglianza, rispetto e libertà nell’America degli anni Trenta: quel bambino è Martin Luther King

di Laura Argelati

Pubblicato martedi, 27 febbraio 2018

Rating: 5.0 Voti: 6
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Coccole Books
Da bambino il piccolo Martin deve già fare i conti con le discriminazioni razziali riservate a chi, come lui, ha la pelle scura. Cose così semplici e banali come giocare con un amico o bere a una fontanella, possono trasformarsi in esperienze dal ricordo indelebile se diventano oggetto di discriminazione.

Come lui, sono tante anzi troppe le persone costrette a subire ogni giorno sguardi e gesti insensati, da parte di chi li giudica diversi a causa del colore della loro pelle.

In Martin matura quindi il desiderio di battersi per l'uguaglianza e per il rispetto, contro le discriminazioni e l'emarginazione.

Una strada lunga e tortuosa che lo porterà a vincere il premio Nobel per la pace nel 1963, a incontrare uomini tra i più potenti della Terra tra cui il Papa e il presidente Kennedy e soprattutto a diventare lui stesso una figura simbolo della lotta per il rispetto dei diritti umani.

Nato nel 1929 ad Atlanta, Martin Luther King studiò in ottime scuole e si laureò in teologia. Nel 1954 iniziò la sua lotta contro il razzismo e la segregazione, portata avanti sino alla sua morte, avvenuta nel 1968 a soli 39 anni per un colpo di fucile.

"Il sogno di Martin" di Dino Ticli edito da Coccole Books, racconta ai giovanissimi lettori dai dodici anni in su le vicende più significative della vita dell'uomo che cinquant’anni fa ha perso la vita in nome della sua battaglia e del suo sogno di libertà.


Dicembre 2017, Coccole Books
pp. 128
Prezzo di copertina €10,00
Tag:  Il sogno di Martin, Dino Ticli, Coccole Books, Martin Luther King, Discriminazioni razziali, Lotta per i diritti, Uguaglianza, Premio Nobel per la pace

Commenti

09-11-2018 - 14:30:53 - Nessuno
Troppo corto
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni