Islam in love di Rania Ibrahim

Una ragazza di fede islamica alle prese con l’amore e con le coraggiose scelte che può implicare

di Laura Argelati

Pubblicato martedi, 6 febbraio 2018

Rating: 5.0 Voti: 6
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Jouvence Edizioni
Tante, troppe, volte il termine islam è legato a concetti negativi quali l'estremismo religioso, il terrorismo, l'ISIS. L'autrice di "Islam in Love" Rania Ibrahim invece ha voluto porre l'accento sui sentimenti, sulla libertà di amare, sul coraggio delle donne.

Laila è una giovane donna di origine araba che vive a Dover, cresciuta in una famiglia musulmana con una madre che le ha insegnato a nascondere le forme del suo corpo e le ha ripetuto infinite volte che dovrà sposare un ragazzo musulmano e arrivare illibata al matrimonio. Ci sono tre parole che risuonano frequentemente nella testa della ragazza: Haram, Halal e Hoshuma cioè peccato, lecito e pudore. Su queste, dovrà fondare la sua vita impeccabile da brava donna musulmana.

A 18 anni lo sguardo di Laila incrocia quello di un bellissimo ragazzo biondo dagli occhi azzurri e intensi.

Lui è Mark e purtroppo non è musulmano, quindi la ragazza sa di non dover fantasticare su di lui, nonostante lui sia così spigliato da farle apertamente la corte e da dichiararsi innamorato di lei. E non solo: Mark è così affascinante, disinibito e audace, da rendere tale anche la pudica Laila, combattuta tra l’amore per lui e gli insegnamenti con cui è stata cresciuta.

Amore, libertà e sessualità di una donna islamica in “Islam in Love” edito da Jouvence sono narrati con audace schiettezza e ritmo appassionante, in un romanzo sorprendente contraddistinto da una protagonista tanto coraggiosa quanto sensuale.


Luglio 2017, Jouvence
pp. 406
Prezzo di copertina €19,90
Tag:  Islam in Love, Rania Ibrahim, Jouvence Edizioni, Islam, Amore, Religione, Famiglia, Sessualità

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni