L'età ingrata di Francesca Segal

La storia di una famiglia davvero atipica, messa alla prova dagli scherzi del destino

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Bollati Boringhieri
Julia e James si sono incontrati e innamorati da adulti, con un divorzio alle spalle per lui e la perdita del marito per lei. Hanno due figli coetanei, Gwen e Nathan, che non vedono di buon occhio la novità di una famiglia allargata e di una convivenza che nessuno dei due desiderava.

I genitori sanno bene quanto gli adolescenti siano sempre critici, ribelli e scontenti ma vorrebbero riuscire a portare tra le mura di casa equilibrio e serenità. Ciò che proprio non si aspettano neanche lontanamente, però, è che a un certo punto la sintonia tra i ragazzi arrivi tanto repentina quanto intensa fino a sfociare nell’amore. Un amore che sembra quasi voler essere un tentativo di sabotaggio della famiglia allargata che i ragazzi hanno a lungo osteggiato…

Tra gelosie, rancori, sconvolgimenti e smarrimento, Julia e James e i loro figli dovranno imparare a destreggiarsi tra le difficoltà piccole e grandi che il destino ha messo sul loro cammino e cercare di proteggere il legame che li unisce, già così delicato e precario.

“L’età ingrata” di Francesca Segal edito da Bollati Boringhieri è un romanzo basato sulle vicende di una famiglia davvero atipica, costituita da persone tanto differenti quanto complementarimesse alla prova da un susseguirsi di vicende inaspettate e destabilizzanti.

31 agosto 2017, Bollati Boringhieri
pp. 361
Prezzo di copertina €18,00
Tag:  L’età ingrata, Francesca Segal, Bollati Boringhieri, Famiglia, Unione, Convivenza, Equilibrio, Amore

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni