Le mamme ribelli non hanno paura di Giada Sundas

Da mamma a figlia, il racconto dell’avventura di diventare madre

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Garzanti
Cosa, più dell’arrivo di un bambino, può cambiare la vita di una donna e di una coppia? Da due si diventa tre, da singoli individui si diventa responsabili di un’altra persona, da figli si diventa genitori.

Giada Sundas nel suo libro “Le mamme ribelli non hanno paura” edito da Garzanti ha realizzato una sorta di diario destinato alla figlia Mya, per raccontarle la sua gravidanza, i cambiamenti che la piccola ha portato nella sua vita e in quella del suo compagno, le montagne russe emotive di quei mesi durante cui la pancia si faceva sempre più grande ma soprattutto l’amore sconfinato che l’ha pervasa sin da quando ha stretto quel fagottino tra le braccia.

Tra notti insonni e comprensibili timori, nausee mattutine e esami di routine, l’autrice ripercorre i mesi trascorsi tra il test di gravidanza effettuato in un bagno pubblico e le prime esperienze della sua bambina con aneddoti e ricordi che fanno sorridere, talvolta così buffi e insoliti da domandarsi quanto sottile sia il confine tra realtà e racconto romanzato.

Con ironia e sagacia, tra aneddoti divertenti e toccanti confessioni, l’autrice ha dato vita a un romanzo tanto ironico quanto genuino e tenero, in cui sicuramente ogni madre potrà ritrovare qualche frangente della propria storia personale.


Maggio 2017, Garzanti
pag. 204
prezzo di copertina €16,40
Tag:  Le mamme ribelli non hanno paura, Giada Sundas, Garzanti, Maternità, Gravidanza, Figli, Famiglia

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni