Tutta colpa della mia impazienza (e di un fiore appena sbocciato) di Virginia Bramati

Un romanzo delicato dedicato all'amore e alla rinascita

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Giunti Editore
Virginia Bramati torna a far parlare di sé con un libro dedicato all’amore e di una delicatezza che incanta.

«Sono nata con due mesi di anticipo, odio i tempi morti, sono fisicamente allergica ai giochi di pazienza e adoro il tasto fast forward»

Agnese è una ragazza esuberante, perennemente impaziente di avere tutto subito e pronta ad affrontare la vita che le si proietta davanti. Sul più bello, però, questa prende una piega inaspettata che la porta a dover affrontare il dolore di una perdita tremenda. La madre infatti rimane uccisa in un tremendo incidente. Il padre, deciso a cambiare la propria vita e lasciarsi alle spalle quel dolore opprimente che non gli permette di vivere, decide di abbandonare Milano per trasferirsi nella provincia milanese, in una grande casa lungo il fiume, immersa nei ritmi lenti e immutabili della campagna.

Quando l’estate è alle porte e il padre parte per un viaggio di lavoro, Agnese si ritrova sola ma con l’esame di maturità da preparare. A farle compagnia c’è Adelchi, l’unico coetaneo che sa cosa voglia dire la perdita di un genitore e grazie al quale riesce a reagire davanti ad un torpore che non la abbandona. Ben presto capisce che quella che li unisce non è pura amicizia, ma qualcosa di più. Quando però arriva il medico, Marco Aleandri, temporaneo sostituto del padre, alla iniziale antipatia, Agnese sostituirà la comprensione che ha di fronte un uomo tormentato e isolato che piano piano riuscirà a insinuarsi nel suo cuore. Ma l’estate è ancora lunga… e il suo essere impulsiva le permette di riempire le giornate anche a costo di cacciarsi in qualche guaio. Quando poi, dalle pagine di un libro, spunta una bustina di semi di Impatiens che le aveva regalato la madre poco prima di morire, capisce che il seminarli e aspettare, con pazienza, le potrà insegnare qualcosa di più sulla vita. Capirà presto cosa voglia dire amare ed essere amata a sua volta.

Un romanzo che parla di amore, il tutto condito con un pizzico di suspance e un giallo che fa da sfondo alle vicende di un paesino che sembra essere uscito da una cartolina, tanto da permettere di entrare a gamba tesa nella vita di questi personaggi che, alla fine, lasciano una punta di nostalgia.


8 marzo 2017, Giunti Editore
pag. 304
prezzo di copertina €14,90
Tag:  Tutta colpa della mia impazienza (e di un fiore appena sbocciato), Virginia Bramati, Giunti, amore, Milano

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni