Donne solidali in rete.

Donne che si adattano cambiamenti alla velocita' della fibra ottica.

di Rossella Canevari

Pubblicato lunedi, 31 maggio 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Fin da bambina ho sempre considerato leggere i giornali e ascoltare i tg un’esperienza “forgiante”. Guerre, morti, scandali, disastri ecologici, effetti della crisi e manovre economiche occupano la maggior parte dello spazio e del tempo a disposizione del fruitore, lasciando alle notizie positive, una percentuale esigua. Certamente insufficiente a farci pensare che il mondo e la società in cui viviamo è anche un luogo positivo, dove la speranza di costruire un futuro migliore è ben riposta.

Ultimamente però qualcosa è cambiato. In modo sensibile, forse sottile ma comunque si tratta di un cambiamento registrato a diversi livelli, non ultimo quello economico, fattore che mi fa ben sperare. Mi riferisco all’ormai crescente interesse dei media per siti, forum e in generale tutte le iniziative ideate e gestite da donne a difesa delle donne. Storie vere di successi, piccoli o grandi, che fanno sorridere e che danno spazio alla speranza. La rete come fattore aggregante, crea quella solidarietà che non è mai stata consona al mondo femminile.

Per citare alcune di queste iniziative, le ultime segnalate dai quotidiani: radiomamma.it ad esempio, un sito creato da una giovane milanese che si basa su un network di mamme che monitorano i quartieri della città, segnalando bonus e disservizi; o il cliccatissimo sito miglioraroma.com, creato da una mamma ex libera professionista nel settore televisivo, che si occupa sempre di servizi sul territorio romano. Sono sempre di più, in Italia e nel mondo, anche i blog di successo in cui le mamme, giovani e non giovanissime, in carriera o no, raccontano le proprie esperienze e i problemi incontrati, confrontandosi con un consistente numero di lettrici fedeli, che hanno gli stessi problemi.

È il numero di contatti al giorno infatti, il dato che sta facendo riflettere e che sta creando quel sensibile cambiamento nell’informazione. Le donne, che come abbiamo già detto, sono assidue navigatrici della rete, si stanno facendo sentire e usano il web per fare lobbying per migliorare il sistema, per crescere meglio i propri figli, per avere una qualità di vita migliore. La notizia positiva è che sta funzionando. I numeri arrivano, la società risponde.

Anche le aziende se ne sono accorte e il mercato pubblicitario di conseguenza. Complice la crisi, aumentano le campagne online e diminuiscono quelle televisive. I siti, i portali e i blog trovano sponsor e incrementano i contenuti “user generated” ovvero creati dagli utenti che ormai abbiamo appurato essere in buona parte donne.

All’estero, in America e in Inghilterra, paesi che nel settore “pari opportunità” sono avanti rispetto a noi italiane, le donne oltre a fare lobbying e a intervenire nella vita sociale, scendono sempre più spesso e numerose in politica. Nel nostro bel paese per ora, le donne che amano e fanno politica sono ancora poche. I numeri in parlamento parlano chiaro.

Manca poco ormai però ad infrangere il taboo italiano donne e politica. I cambiamenti ormai anche qui viaggiano veloci, alla velocità della fibra ottica.
Tag:  donne e politica, donne e solidarieta', blog al femminile, aumento campagne online, mamme online

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni