Settimana numero 3: smanettone rosashokking

Quando le donne si fanno largo nel web

di Rossella Canevari

Pubblicato mercoledì, 19 maggio 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Se un tempo pensavo fossero tutti uguali: bruttini, secchioni, sociopatici e soprattutto uomini, mi sono dovuta decisamente ricredere. Gli smanettoni del web sono una nuova sorprendente categoria in espansione: sono sempre di più, costituiscono una voce economica in crescita, sono profondamente inseriti nel tessuto sociale, sono multitasking ma soprattutto sono prevalentemente donne.

Ebbene sì, tutto questo per dire che anche colei che scrive questo editoriale fa ormai decisamente parte della categoria “smanettoni della rete” insieme, inutile negarlo, alla redazione rosashokking. Ne è prova lo slang che mastichiamo durante le riunioni di redazione, fatto di termini come tag, template, back-end, front-end, interfaccia e via dicendo, termini che solo pochi anni orsono non facevano parte del mio vocabolario. È incredibile infatti la quantità di cose che si possono fare e che si possono imparare nel magico e sfaccettato universo del web.

Soprattutto è stupefacente come ormai la mia esistenza sia profondamente legata ad una connessione internet. Non solo per quanto riguarda la vita lavorativa, mi riferisco soprattutto alla mia vita personale: gli interessi che coltivo, lo svago sui social network, le lunghe discussioni via skype con gli amici sparsi nelle città più disparate del globo. Ricalcando il Claim di un celebre spot, sono ormai una donna connessa. Più ci rifletto e più penso a quanto sia congeniale al mio, ma anche al modo di vivere e vedere il mondo colorato di rosashokking, questa dimensione virtuale; quanto riesca a soddisfare le esigenze di velocità, concretezza, a volte segretezza e perché no, anche la volubilità che è propria alla natura e a processi mentali squisitamente femminili.

Come gli innumerevole e palesi pregi, così i difetti, in rete non sono da meno. Chi non ha mai perso almeno una volta, tutti i file creati in mesi e anni di lavoro, a causa di un pestilenziale virus nato dalle viscere del web (e dall’assenza di un valido antivirus, di cui noi donne da PC siamo schiave)? Chi non è mai stato vittima di un web master o di un grafico o di un programmatore o di uno qualsiasi di tutta la serie dei nuovi professioni generate ad hoc dalla rete? Per non parlare delle assurde love story generate dagli ormai numerosissimi social network che fioriscono ovunque con l’unico scopo di creare nuove coppie senza farvi muovere dal divano di casa.

Insomma il web costituisce un vero e proprio universo parallelo, con tanto di regole, benefici e truffe. Alcune delle parole chiave che lo contraddistinguono sono però già profondamente diverse dalla società in cui viviamo tutti i giorni: libertà, flessibilità, pari opportunità, meritocrazia. Non c’è dunque da stupirsi se sono le donne a vincere la palma d’oro delle più assidue smanettone della rete. Noi del Mondo Rosa Shokking, comprese.  
Tag:  Smanettoni, Social Network, donna connessa, web master, donne 2.0

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni