Intervista a Francesca Cipriani

Il nostro viaggio alla scoperta dello Yoga della risata prosegue con la teacher Francesca Cipriani che ci ha raccontato come si è avvicinata a questa disciplina e quali sono i benefici che possono giovare a ognuno di noi

di Fabia Tonazzi

Pubblicato lunedi, 13 giugno 2016

Rating: 5.0 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Francesca Cipriani: chi sei  in tre pregi e tre difetti.
Facendo un bilancio della mia persona posso definirmi solare, entusiasta e empatica. Il mio entusiasmo certe volte posso anche considerarlo come uno dei miei difetti, insieme all’istintualità (che va migliorando) e all’eccessiva sensibilità.

Di cosa ti occupi nella vita e qual è il tuo motto?
In questa vita sono una docente di sostegno da sempre impegnata per l’inclusione dei bambini con delle caratteristiche che la società mette a dura prova. Sono una terpista ABA. Per molti anni mi sono occupata di animazione per bambini. Il mio motto è senza dubbio “l’essenziale è invisibile agli occhi!”

Come nasce la tua passione per lo Yoga della risata e come sei riuscita a diffonderlo nella tua città? Cosa ti ha spinto a diventare una teacher e da quanto tempo lo sei?
Nel 2015 ho messo l’apparecchio, vi chiederete cosa c’entra? Beh, c’entra è come! In quel periodo l’imbarazzo e le mie inibizioni hanno portato il mio corpo a sigillare la mia risata. Ero triste CONSAPEVOLMENTE. Poi un giorno un’amica mi invita a un incontro della risata e in quella sala mi sono liberata. Da lì è partito il mio viaggio che dura fino a oggi. A marzo 2015 mi sono certificata leader e nel gennaio 2016 sono diventata teacher dello yoga della risata.
Divulgarlo nella mia città non è stato per niente semplice. Certamente l’appoggio delle mie amiche ha giovato. Ho aperto il club subito, spinta dalla voglia di continuare il mio percorso di trasformazione, l’ho aperto prima per me, sapevo che altrimenti non avrei avuto altro modo per allenarmi settimanalmente. Ho iniziato a invitare amici e parenti e così è nato tutto. All’inizio spesso eravamo davvero pochi e tutt’ora capitano giorni in cui al club arriva anche solo 1 persona, ma si ride ugualmente.

Qual è il pubblico a cui ti rivolgi con i tuoi incontri o quale si è rivelato più reattivo?
Dopo molti mesi di allenamento ho iniziato ad accettare inviti e a portare la risata nelle scuole, nei centri anziani, tra i disabili. Tutti i gruppi sono reattivi se misuri la risata sulle loro esigenze, pertanto mi risulta difficile sceglierne uno.

Quali sono i benefici di chi pratica lo Yoga della risata e dove è possibile seguire con te il club?
I benefici dello yoga della risata sostanzialmente si dividono in BENEFICI PER LA SALUTE: per persone sane che vogliono prevenire le malattie, per persone che presentano patologie, e vogliono applicare lo YdR per guarire più velocemente. Voglio sottolineare la potenza nelle prevenzione. Molti si approcciano allo yoga della risata per “guarire”: durante la malattia lo yoga della risata può essere un grande alleato per migliorare il rapporto con il farmaco o con la terapia, anche se non può fare sparire il male.NELLA VITA PERSONALE: lo stato dell’umore determina la qualità della nostra vita. Lo Ydr ha il potere di cambiare il nostro umore in pochi minuti, rilasciando le endorfine, l’ormone della felicità. Quando l’umore è buono, ogni cosa sembrerà migliore. Lo Yoga della risata aiuta ad aggiungere più risate alla nostra vita, facendoci sviluppare anche il senso dell’umorismo. Ci si può sentire meglio con sé stessi e avere un punto di vista più positivo e maggiore ottimismo.NELLA VITA PROFESSIONALE: lo YdR è il metodo più veloce, economico e scientificamente provato per ridurre lo stress nei posti di lavoro. Sappiamo che nel mondo del lavoro (così come nel resto della vita) i risultati e le prestazioni dipendono dal livello della nostra energia. Un funzionamento ottimale del cervello ha bisogno del 25% in più di ossigeno, rispetto a qualsiasi altro organo del corpo. Lo Yoga della risata aumenta le riserve di ossigeno, sia nel cervello che nel resto del corpo, aiutandoci a lavorare meglio e con più efficienza. NELLA VITA SOCIALE: la qualità della vita e il senso di soddisfazione non dipendono da quanti soldi, potere, posizione sociale o successo abbiamo; dipendono soprattutto dal numero di buone relazioni che condividiamo e coltiviamo. Gli apprezzamenti e i riconoscimenti aiutano lo sviluppo emozionale. Lo Yoga della risata è un’energia positiva che connette le persone e aiuta a fare amicizia facilmente. RIDERE PER SUPERARE LE SFIDE: LO SPIRITO PROFONDO DELLA RISATA. Lo Yoga della risata insegna come tenere alto lo spirito. In questo modo si può gestire ogni situazione senza perdere la concentrazione e la pazienza, soprattutto quando s’incontrano delle sfide da affrontare nella vita. Lo YdR promuove un’attitudine mentale positiva per entrare in contatto con le situazioni negative e ci aiuta a rapportarci con situazioni e persone difficili nella maniera migliore. Vi assicuro che quando si ricontatta lo SPIRITO INTERIORE DELLA RISATA LO SENTI, IO ADESSO LO SENTO.

Parlaci di te e dei tuoi progetti.
Beh, in realtà non so bene dove sto andando, mi trovo in un flusso meraviglioso che genera sorprese tutti i giorni. Io sento di parlarti del mio. Certamente il mio progetto principale è la nascita di una nuova disciplina da insegnare a scuola, “LA FELCITA” attraverso lo yoga della risata. Mi piacerebbe vedere lo yoga della risata inserito nella didattica scolastica affiancato alle altre discipline. PER FAR CIO’ OCCORRE SENSIBILIZZARE LA SCUOLA, PARTENDO DAI DOCENTI.

Contatti:
Francesca Cipriani: fracipriani388@libero.it
Tag:  Francesca Cipriani, Yoga della risata, benefici, felicità

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni