Oscar Academy Awards 2013

A Los Angeles si è svolta l’85ª edizione della cerimonia di premiazione cinematografica più attesa dell’anno

di Chiara Caretoni

Pubblicato lunedi, 25 febbraio 2013

Rating: 4.4 Voti: 7
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La notte degli Oscar è arrivata puntuale anche quest’anno e, sebbene ci siano state alcune sorprese (Lincoln, ad esempio, ha ricevuto solo due statuette su dodici nomination), in generale è andato tutto come da programma.
 
L’85ª edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar si è svolta al Dolby Theatre di Los Angeles, il 24 febbraio 2013. La serata è stata condotta dal comico Seth MacFarlane, che  insieme a Emma Stone aveva annunciato le nomination delle diverse categorie lo scorso 10 gennaio.
 
 
A trionfare su tutti Argo, di Ben Affleck, che si è aggiudicato la statuetta per il miglior film, battendo quello che sembrava essere il favorito, Lincoln: quest’ultimo, inoltre, avrebbe potuto portarsi a casa il premio per la miglior regia con Steven Spielberg ma, a sorpresa, il titolo è andato a Ang Lee con il film Vita di Pi.
 
Per quanto riguarda gli Oscar più ambiti - quelli destinati agli attori - il premio per il miglior attore protagonista è andato a Daniel Day-Lewis, per la sua suprema interpretazione di Abramo Lincoln, e quello per la migliore attrice protagonista è stato assegnato alla ventiduenne Jennifer Lawrence che ne Il lato positivo interpreta, accanto a Bradley Cooper, una giovane vedova con problemi psichici.
 
Inoltre, l’Oscar per il miglior attore non protagonista è andato al grandioso Christoph Waltz di Django Unchained (per il quale Quentin Tarantino ha vinto il titolo per la miglior sceneggiatura originale) e quello per la migliore attrice non protagonista ad Anne Hathaway per Les Misérables.
 
Miglior film:
Argo, regia di Ben Affleck
 
Miglior regia:
Ang Lee - Vita di Pi
 
 
Miglior attore protagonista:
Daniel Day-Lewis - Lincoln
 
Miglior attrice protagonista:
Jennifer Lawrence - Il lato positivo
 
Miglior attore non protagonista:
Christoph Waltz - Django Unchained
 
Migliore attrice non protagonista:
Anne Hathaway - Les Misérables
 
Migliore sceneggiatura originale
Quentin Tarantino - Django Unchained
 
Migliore sceneggiatura non originale:
Chris Terrio - Argo
 
Miglior film straniero:
Amour, regia di Michael Haneke (Austria)
 
Miglior film d'animazione:
Ribelle - The Brave, regia di Mark Andrews e Brenda Chapman
 
Migliore fotografia:
Claudio Miranda - Vita di Pi
 
Miglior scenografia:
Rick Carter e Jim Erickson - Lincoln
 
Miglior montaggio:
William Goldenberg - Argo
 
Migliore colonna sonora:
Mychael Danna - Vita di Pi
 
Migliore canzone:
Skyfall, Adele e Paul Epworth
 
Migliori effetti speciali:
Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan De Boer e Donald R. Elliott - Vita di Pi
 
Miglior sonoro:
Les Misérables - Andy Nelson, Mark Paterson e Simon Hayes
 
Miglior montaggio sonoro:
Skyfall - Per Hallberg e Karen Baker Landers
Zero Dark Thirty - Paul N.J. Ottosson
 
Migliori costumi:
Anna Karenina - Jacqueline Durran
 
Miglior trucco e acconciatura:
Les Misérables - Lisa Westcott e Julie Dartnell
 
Miglior documentario:
Searching for Sugar Man - Malik Bendjelloul e Simon Chinn
 
Miglior cortometraggio documentario:
Inocente - Sean Fine e Andrea Nix Fine
 
Miglior cortometraggio:
Curfew - Shawn Christensen
 
Miglior cortometraggio d'animazione:
Paperman - John Kahrs
Tag:  Oscar Academy Awards, Los Angeles, Argo, Ben Affleck, Lincoln, Steven Spielberg, Daniel Day-Lewis, Vita di Pi, Django Unchained, Quentin Tarantino, Christoph Waltz, Anne Hathaway, Les Misérables, Adele

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni