Dior licenzia John Galliano

Dopo l'ennesimo e deplorevole scivolene verbale, lo stilista della famosa maison francese si ritrova ufficialmente disoccupato

di Dea Mazzilli

Pubblicato mercoledì, 2 marzo 2011

Rating: 3.8 Voti: 20
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
John Galliano ci aveva abituati a quel suo carattere bizzoso e rovinosamente antipatico, ma l’abbiamo sempre perdonato in quanto genio e creatore di una moda solo sua.
 
Ma sapete che si è inventato questa volta? Ha pensato bene di inneggiare ad Hitler dichiarandogli il suo amore. “Lo amo!”, avrebbe affermato, tra l’altro in un bar di Parigi, visibilmente alticcio e davanti ad una telecamera!

Il video, pubblicato sul sito internet del tabloid britannico The Sun, ha fatto il giro del mondo, condannandolo alla disoccupazione dopo 15 anni di onorato servizio.

E’ un licenziamento per giusta causa. Non siete d’accordo amiche di MRS?

Anche la splendida Natalie Portman - testimonial del profumo Dior - di religione ebraica e premio Oscar come miglior attrice protagonista per “Il cigno nero”, ha rinunciato ad indossare in occasione del grande evento l’abito disegnato apposta per lei, optando per un altrettanto splendido ed impalpabile peplo del brand Rodarte, dichiarandosi scioccata e affermando di non voler avere più niente a che fare con lo stilista.
 
Non è la prima volta che John “scivola” così rovinosamente; fonti attendibili rivelano che tempo addietro gli prese lo “schiribizzo” di insultare una donna - in una brasserie di Parigi - con frasi anti semite.

John, sarà Parigi a non portarti fortuna, oppure faresti meglio a stare zitto?
In pasto al popolo, come è giusto che sia!


Guarda il video da You Tube: http://www.youtube.com/watch?v=FYsiNnmAPbE
Tag:  John Galliano, Dior, licenziamento, The Sun, Natalie Portman

Commenti

02-03-2011 - 12:49:07 - Iris
Due grandi nomi della moda italiana, Donatella Versace e Giorgio Armani, hanno preso le difese di Galliano: Donatella nonostante dica che non ci sia giustificazione, sostiene che lui non voleva essere razzista. Il secondo dice che l'episodio è da attribuirsi ad un momento di debolezza... "è da pazzi aspettarsi un comportamento esemplare da un uomo eccentrico come lui". io dico ROBE DA PAZZI! Ma che debolezza e debolezza!!! In vino veritas...
02-03-2011 - 13:25:50 - Dea
qualcuno dovrà pur difenderlo è pure disoccupato!!! Baci baci Iris!
02-03-2011 - 13:39:58 - anonimo
Io sto con Dior! .. appunto in vino veritas .. puoi essere "genio e sregolatezza" e "alticcio" finchè vuoi ma ha fatto bene Dior a cacciarlo via dai piedi!! .. poteva almeno dire di amare Franco essendo nato da genitori spagnoli!! :)
02-03-2011 - 13:44:50 - anonimo
Galliano alla gogna!!
02-03-2011 - 13:56:34 - Sephora
Mi sono sempre piaciuti i personaggi "eccentrici" senza "peli sulla lingua"; ma quando si mettono in mezzo argomenti fuori dal contesto si esagera: dire di amare Hitler è stato un errore macroscopico, e Dior a mio avviso l'ha giustamente punito!
02-03-2011 - 16:14:00 - Annina
Galliano è indifendibile.. e pure stupido! Sedersi ad un tavolo di un bistrot nel Marais che ospita una delle più importanti comunità ebraiche della città e apostrofare gli altri clienti con commenti antisemiti è come andare in giro per Harlem indossando un cappuccio del Ku Klux Klan!!
02-03-2011 - 17:20:34 - Red boy
Io penso che sia un pazzo...ma un vero e proprio genio della moda, un vulcano di idee un essere etereo che ci delizia delle sue creazioni. Come tutta questa gente è un fuori dagli schemi tra l'altro visibilmente ubriaco e fatto, se vogliamo uno stolto a farsi riprendere da una telecamera di un chissàchì. Questo articolo è politically correct...
02-03-2011 - 19:22:24 - Andrea Tonetti
Personalmente tendo sempre a dividere in maniera ben distinta l'artista/genio dalla persona...l'ho fatto con Pasolini, Michael Jackson, James Brown e altri. Direi che la scelta di licenziare Galliano sia stata una mossa politicamente corretta ma questo non fermerà il genio creativo come non gli impedirà di trovare un altro porto in cui attraccare. Ricordo che anche Mel Gibson fu protagonista di un episodio simile ma anche lui non era proprio nel pieno delle sue facoltà e questo non gli impedì, purtroppo di fare altri film e dico purtroppo perché i film di Gibson si commentano da soli. Sarà pur vero che In vino veritas ma di quello che pensa Galliano degli ebrei penso non gliene freghi a nessuno, ebrei per primi. Sempre pronto ad essere smentito.
02-03-2011 - 23:03:19 - Dea
Lui è un personaggio pubblico, ha un'immagine e la porta in tutto il mondo, quindi le sue affermazioni qualsiasi esse siano lo rispecchiano, almeno nella collettività. E la collettività compresa me lo condanna. Ciò non toglie che continua ad essere un genio...anche se è una testa di c.....
03-03-2011 - 05:09:52 - Sbrina Squillanti
L'era dell'Ego è finita.... stilisti supersta, superstar factotum, Divi del nulla e di tutto, finita la fashion week, e già al lavoro per scrivere 20 report... posso semplicemente dire che la Settimana della Moda a milano si è aperta con L'umiltà di Angelo Cruciani per Misael che non ha voluto salutare il pubblico per rispetto dello staff, la fashion week parigina invece si apre con l'insulto di Galliano, per fortuna lo Show di Formichetti per Mugler, maglio lasciar spazio ai giovani no???
03-03-2011 - 21:00:56 - cri
non ci sono parole, complimenti a Natalie Portman per averlo snobbato sul red carpet!!!!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni