Guru Meditation

Vittime del caso Assange 1

Odiate dagli hacker, Anna Ardin e Sofia Wilen hanno subito una violenza o sono state usate come trappole sessuali. In og...

Povere donne. L’immagine che ne esce dal caso Wikileaks non è affatto confortante per il sesso femminile. Vuoi che siano vittime, vuoi trappole sessuali, le due accusatrici svedesi di Julian Assange, Anna Ardin e Sofia Wilen, sono già uscite con le ossa (e le reputazioni) rotte. Solitamente si tende a pensare che Julian Assange, il super-hacker australiano, arrestato in Gran Bretagna questa settimana, sia in galera e in attesa di estradizione per la sua fondazione e gestione di Wikil...LEGGI

Né violenta, né maschilista. Solo Ayn Rand 0

Il filosofo David Kelley ci spiega qual'è il vero volto della scrittrice e filosofa fuggita dall'Urss e le sue idee sull...

Tornano a fare scandalo i romanzi di Ayn Rand, molto di moda in questi mesi negli Usa in quanto ispiratori fondamentali del movimento Tea Party. Fanno scandalo, come ho avuto modo di dire in un altro articolo (qui linkato), perché la Rand è l’opposto di tutto quel che si può dire sulle donne nel linguaggio politically correct. Le scene di sesso dei suoi romanzi rasentano lo stupro, tanto sono violente. E al di fuori dei suoi romanzi, lei era convinta che: a) la donna fosse diversa dall’uomo b...LEGGI

La famiglia "modello" di Avetrana 0

Le mura domestiche: un rifugio sicuro?

Avetrana luogo del mostro. Avetrana meta del turismo morboso. Avetrana meta di pellegrinaggio. E’ nato un nuovo luogo di culto. Come in tutti i luoghi di culto, abbiamo una martire: Sara Scazzi, 15 anni, rapita e uccisa da suo zio, forse anche violentata dopo la sua morte. Un atto atroce che, chi l’avrebbe compiuto, ha confessato e poi ritrattato. Ma che ha colpito il paese intero. Un delitto che è stato scoperto da una confessione data in diretta televisiva, di fronte al volto impiet...LEGGI

La velata tolleranza 0

Esplode il dibattito sulla nuova legge francese che vieta il burqa

La Francia sta compiendo una scelta importante: il burqa e il niqab, le due forme di velo integrale islamico, verranno vietati. La nuova norma punisce severamente, con pene pecuniarie e carcerarie, soprattutto chi impone il velo integrale che copre volto e identità di una donna. Il burqa e il niqab vengono considerati dal legislatore francese come una grave forma di oppressione sessuale della donna. La legge non è ancora entrata in vigore. Ha solo passato il primo voto in Parlamento, m...LEGGI

Alexandra Kollontaj, il sogno fallito della "donna nuova" 0

La madre del femminismo sovietico ha partorito un mostro. E i suoi sogni si sono realizzati altrove: nell'Occidente che ...

“Siamo abituati a considerare una donna, non già una personalità con qualità e difetti individuali, al di là dei delle sue esperienze fisiche ed emozionali, ma unicamente quale un’appendice dell’uomo. Soltanto un mutamento del ruolo economico della donna e il suo indipendente coinvolgimento della produzione potrà portare all’attenuazione di questi errori e di queste idee ipocrite”. Così scriveva Alexandra Kollontaj, il primo ministro comunista all’Assistenza Pubblica della nascente Unione Sov...LEGGI

Libera mercificazione di liberi corpi 0

Perché è un errore scambiare la prostituzione con la schiavitù

Il corpo è mio e me lo gestisco io. Questa sacrosanta massima femminista viene ricordata in ogni occasione in cui il corpo della donna è vittima di una violenza. Oppure si invoca in difesa del diritto di abortire. Ma viene improvvisamente dimenticata quando la proprietaria del corpo decide di vendere una sua prestazione fisica in cambio di denaro. Inutile girare attorno alle parole: quando una donna si prostituisce. Meglio fare un distinguo: non stiamo parlando di riduzione in schiavitù, ma d...LEGGI

Ayn Rand, elogio dello stupro consensuale 0

L'autrice e filosofa russo-americana torna di moda. E le femministe iniziano a tremare: se tornasse di moda anche il suo...

Ayn Rand (1905-1982) sta tornando di moda. Negli Stati Uniti, per lo meno, perché in Italia resta un’autrice e una filosofa semi-ignota, comunque ignorata nelle università. Oltre oceano le università la snobbano, la sua filosofia non viene insegnata, se non da pochi professori appassionati dal suo pensiero. I suoi romanzi sono considerati dai critici come letteratura di serie B, buttati nella spazzatura della storia assieme a romanzetti rosa con personaggi femminili pieni di paturnie ultra-ro...LEGGI

Difesa della pornografia 0

Chi guarda un video porno, quando vota chiede di censurarlo

La pornografia ha fatto violentemente irruzione nei salotti buoni della politica. Se ne parla in prime time. Tra i nemici del nuovo malcostume si nota una strana alleanza fra femministe progressiste e vecchi conservatori. Nadine Strossen, ex direttrice della Aclu (American Civil Liberty Union) aveva già contestato questa insolita convergenza di proibizionismi “Sostenuti da conservatori culturali e religiosi e femministe radicali” in “Defending Pornography” (In difesa della pornografia), un te...LEGGI

Uguaglianza di sessi, uguaglianza di salari? 0

Ovvero: perché, se le donne sono pagate meno, lo Stato non ci può far nulla

Dagli anni ’90 in poi, una delle cause maggiormente sostenute dalle femministe è l’uguaglianza di salari in uguali posti di lavoro. Mediamente una donna prende meno del suo collega maschio di pari livello e con pari mansioni. La disparità è analoga in Europa occidentale e diventa ancora più ampia nel resto del mondo. Solo nell’Europa orientale si nota una sostanziale parità di salari, in alcuni casi anche un certo vantaggio per le lavoratrici. Due leggi sono state proposte dai Democratici ...LEGGI

Contro l’educazione burocratica 0

Vogliamo farci educare come uomini o come denti di un ingranaggio?

Il cruccio di tutte le madri che si rispettino è: “Chi mai educherà i miei figli?”. Quando chi scrive era piccolo, non si poteva neppure scegliere in quale scuola pubblica andare: dipendeva dalla posizione della propria casa. Chi aveva la sfortuna di finire vicino a una scuola di teppisti, doveva per forza rassegnarsi e andare in una classe di ragazzini starnazzanti, fra un banco lanciato dalla finestra e una ragazzina tredicenne già incinta. “E’ la scuola della vita” ti dicevano i duri di tu...LEGGI
ABOUT MONDO ROSA SHOKKING
.history .mission .chi siamo .contattaci .archivio storico

Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni