Articoli scandalosi: no al secondo figlio, sì alle storielle

Mentalità retrò o "involuzione" della specie?

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Ho letto diversi articoli “scandalosi” su alcuni giornali di questo mese, giornali famosi che reputavo seri fino a pochi giorni fa. E’ inutile fare nomi, voglio solo dire la mia e spingere tutte le lettrici a dire la loro quando le cose non vanno.

Incominciamo: il primo articolo riguarda la nascita del secondo figlio e gli effetti dannosi sulla storia d’amore della coppia, mentre il secondo è intitolato Ecco perché devi farti una storiella.
 
Allora, innanzitutto ci lamentiamo dell’Italia, nazione in cui sono i vecchi a fare da padroni, e invece di incentivare e parlare positivamente dell’amore, dei bambini, dei sacrifici che giustamente papà e mamma fanno per i loro figli, parliamo dei danni che un figlio crea? Ma dico: siamo matti?
In secondo luogo, non si era sempre parlato della scarsa utilità del cosiddetto chiodo schiaccia chiodo?

Improvvisamente l’amore usa e getta diventa una terapia! Io davvero non capisco, non accetto e non condivido questo tipo di articoli che trasformano i sentimenti reali e autentici, ad esempio l’amore, in  farmaci da supermercato. Come se si stesse giocando con giocattolini e non si stesse parlando di persone...

Forse avrò delle idee un po’ all’antica,  ma io non consiglierei mai e poi mai una storiella ad un’amica per tirarle su il morale, così come trovo sconcertante che un giornale inciti ad averne una  perché definita “terapeutica”! Io considero terapeutiche le terme di Tabiano Terme, intendo sana una cura a base di vitamine dopo una grave malattia, ma di certo non la storiella del genere “una botta e via”…

Mi appello al buon senso e ai valori, quei pochi rimasti, di tutte le ragazze che leggendo certi articoli sono in grado di scandalizzarsi.
     
Io proporrei, a questo punto, care lettrici di MRS, di pubblicare un articolo dal titolo: Legalizziamo le droghe leggere perché sono... terapeutiche!

Le mie parole vogliono essere un invito a commentare questa drammatica realtà: l’amore alla stregua di scatolette di tonno, finito il pasto... buttiamo via tutto: figli e amore, ragazzo compreso, in barba alla continuazione della specie umana!
Tag:  amore, terapia, scandalo, figli, storiella

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni