Italia 2.0

La ricerca condotta da Duepuntozero Research su usi e abitudini degli italiani nell'era del 2.0

di Silvia Menini

Pubblicato giovedì, 12 aprile 2012

Rating: 4.9 Voti: 8
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
SMS, Whats’ App, Facebook, Twitter, Linkedin, Pinterest, MySpace, Flickr, Wordpress, Blogger…

Siamo quotidianamente subissati di contatti, messaggi, foto, richieste d’amicizia, di condivisione. Appena ci capita qualcosa lo scriviamo su Facebook che automaticamente si collega a Twitter e, per essere sicuri che tutti siano al corrente di ciò che ci è successo, o di dove siamo, scattiamo una foto e la postiamo a più riprese su Facebook, Twitter, Pinterest, Flickr, aspettando con ansia i commenti degli amici. E non solo. Perché oggi, essere “amici” non equivale più a conoscere di persona coloro che ci commentano e con cui ci scriviamo. Inoltre, a differenza di qualche tempo fa, quando dovevamo sederci al computer per monitorare l’ondata ingovernabile di informazioni a noi destinata, ora ce le portiamo sempre con noi, grazie ai nostri smartphones e tablets.
 

Italia 2.0 è una ricerca condotta da Duepuntozero Research ogni sei mesi dal 2009 (da quando in effetti è esplosa questa mania di mettere tutto in vetrina) sul panorama dei Social Network in Italia, che approfondisce il rapporto tra Web, marche e attese degli utenti, intervistando un campione rappresentativo (1.500 per la precisione) tra gli utenti di internet italiani.
 
Il panorama che si apre ai nostri occhi è quello di un aumento degli users di social networks, news online e di social couponing (Groupon in primis), mentre la condivisione di foto, l’utilizzo di forum e blog è diminuito rispetto all’anno scorso. Ma, calo o non calo, gli utilizzatori di questi “nuovi” strumenti di comunicazione rimangono comunque una percentuale importante. In Italia, infatti, si stimano 24 milioni gli iscritti ai Social Network, 13,5 milioni a Forum e 6,5 milioni di utenti che seguono uno o più blog con continuità e ci sono ben 4 milioni di blogger.
 
Sebbene l’utilizzo dei Social Network sia a pari livello tra uomini e donne (58% vs 60%), quello dei portali e dei siti dedicati alle News vede in netto vantaggio gli uomini (47% vs 35%), soprattutto nella fascia d’età tra i 35 e i 44. Solo il 23% ha uno o più blog che seguono con continuità, mentre il 50% è iscritto a uno o più Forum.
 
Anche le nostre abitudini più semplici sono quindi cambiate, adattandosi placidamente alle nuove tendenze. Il 7% del campione preso in esame, ogni giorno, appena accede al web, legge un quotidiano o si collega a un portale, il 15% va a curiosare sul proprio Social Network, il 18% apre un motore di ricerca mentre il 45% legge la posta privata. Quella del lavoro viene dopo…
 
Ai mutamenti tecnologici avvenuti negli ultimi decenni, è poi corrisposto un adattamento non solo delle nostre abitudini, ma anche linguaggio che usiamo quotidianamente. Un tempo, infatti, non sapevamo neppure come pronunciare la parola “social network”, figuriamoci a usarne uno!
 
Un’altra indagine ha portato a notare come l’awareness rimanga comunque maggiore dell’heavy usage. Cioè: conosciamo tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione ma non li usiamo poi così tanto. Facebook, YouTube e Wikipedia rimangono sul podio sia per la fama che per l’effettivo utilizzo, lasciando ancora in disparte il tanto acclamato Twitter (che molti ancora non capiscono a cosa serve) e l’ormai superato Myspace.
 
Facebook è decisamente in pole position con il 68% degli utenti che lo utilizza spesso, lasciando un netto vantaggio (84%) ai giovanissimi (meno di 25 anni). YouTube è al secondo posto con il 59%, e il 37% di chi lo usa vi cerca e vede pubblicità. Sebbene tutti conoscano Twitter, solo il 12% lo usa con assiduamente, seguendo in particolare (48%) amici e parenti, mentre il 26% i VIP, il 23% le testate giornalistiche, calando gradualmente la percentuale quando si tratta di aziende commerciali, istituzioni culturali, istituzioni pubbliche e politici. Le motivazioni principali sono: soddisfare la curiosità e ricevere aggiornamenti in tempo reale.
 
Da tenere d’occhio due new entries: Pinterest e Instagram (acquistato da Facebook), che per ora rimangono di nicchia. Il Boom invece lo ha avuto negli ultimi anni Groupon che, da quando ha messo piede in Italia ,si è via via espanso, fino a diventare di uso comune tra gli affezionati. L’88% infatti lo conosce e il 31% lo visita spesso (Groupalia 22%), con una distribuzione uniforme tra le varie fasce d’età.
 
Ma perché si condivide?
 
Il 24% di coloro che condividono sono Emotioners, “Quando penso che il link sia divertente, unico, emozionante per gli altri”, il 23% Altruists, “Quando penso che il link sia utile agli altri”, il 16% Ambassadors, “Per segnalare agli altri un prodotto particolare o una marca, un’iniziativa a cui tengo e che mi piace”, l’8% Wom-natives, “Perché mi piace farlo e mi appaga, è una routine”, il 7% Connectors, “Perché in questo modo alimento e tengo vive le mie relazioni”, il 5% ID builders, “Perché così mi faccio conoscere meglio dagli altri”. Mentre un 17% non condivide mai nulla!
E allora… Buona condivisione a tutti!
 

Link:
Tag:  Italia 2.0, internet, Duepuntozero, Doxa, Social Network, blog, forum, condivisione, Connexia

Commenti

06-07-2012 - 22:24:46 - Antonio
Complimenti gran bell'articolo!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni