Io e il mio cane: due solitudini che si fanno compagnia

Dieci minuti al giorno di coccole esplicite, una vita intera di silenzioso affetto reciproco

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Logan
Il momento che precede un qualcosa che hai desiderato per una vita a volte ti lascia disorientata. Un misto di felicità, incredulità, paura, smarrimento.

Nei tuoi sogni ciò che desideri è sempre perfetto, perché lontano e irraggiungibile. Ma quando poi riesci finalmente ad allungare la mano e toccarlo, temi sempre che il tuo castello di cristallo si possa spezzare. Che non sia come te l’aspettavi o che qualcosa ti impedisca di realizzarlo.
 
Occhioceruleo (che ricordiamo è il nickname del mio compagno) ce la metteva tutta quel mattino in macchina per prendere a martellate il mio cristallino sogno canino.

O: Ti ricordo che lo andiamo a vedere, ma non è detto che lo prendiamo!
(Ripetuto più o meno una ventina di volte lungo il tragitto!)

Io vagavo con la mente, pensando a come sarebbe stato vivere con lui (il cane, intendo. Perché, ovvio, io non sarei tornata a casa senza cane!). Mi chiedevo continuamente se sarei stata in grado di crescere da zero un cucciolo, se l’avrei educato bene, se gli avrei dato abbastanza affetto. A come sarebbe cambiata la mia vita. A detta delle mie coetanee con figli (praticamente tutte, ma questa è un’altra storia) anche se hai nove mesi di tempo per abituarti all’idea di avere la responsabilità  di qualcun altro sarà sempre un piccolo e dolce trauma. Io avevo avuto pochissimo tempo per metabolizzare il fatto che non sarei più stata sola con i miei pensieri.

Arrivammo al rifugio. Fortunatamente con noi c’era una delle tante volontarie che ogni giorno dedicano la propria vita a questi animali. Ammiro davvero la loro forza, la loro determinazione e l’amore sconfinato che sono in grado di dare.
Mi chiese se volevo vedere tutti i cani, io risposi di sì, ma prima di tutti: lui.

Con gli occhi fissi sulla porticina che si sarebbe aperta davanti a me, avevo il cuore che batteva. Tun Tun Tun… così, forte, mi sembrava di sentirlo. E infatti non era il cuore, ma era Occhioceruleo che, dandomi dei colpetti al fianco, sibilava un ultimo: ricordati che non è sicuro che lo portiamo a casa!
Annuii, in modo solenne e maturo, per poi rincoglionirmi totalmente pochi secondi dopo: Logan, 6 kg di ossa e nervi, uscì come una scheggia e mi saltò addosso. Mi conficcò i dentini- spillini in tutta la carne libera disponibile (era estate e indossavo una canottierina) e mi leccò il viso come un forsennato. Poi saltò in braccio a Occhioceruleo e si leccò tutto pure lui. Dopo essersi liberato dal bacio mortale della mia futura belva mi fissò e mi disse: Portiamolo via!
 
J: Vuoi vedere anche gli altri? - Chiesi provocatoriamente.
O: Sì, ma solo per curiosità, lui è il nostro cane!
I win!

Io, però, segretamente, mi ero posta un problema: per natura non sono assolutamente una persona affettuosa! Prendo e dispenso affettuosità (a persone e animali) per brevi lassi di tempo e poi stop. Chissà se un cucciolo (si sa notoriamente coccoloni e sempre bisognosi d’affetto) ne avrebbe sofferto. Avrei dovuto sforzarmi di essere un po’ più… espansiva?

Logan ci fece un sacco di feste, giocò con noi e si fece fare le coccole per una grande quantità di tempo: 10 minuti! Poi andò bellamente a farsi gli affari suoi in giro per il prato. Ci teneva d’occhio, ma senza offrirsi troppo. Non aveva né paura, né altro, semplicemente gli andava così.
Pensai che era perfetto!
Ed è così tuttora, a distanza di mesi da quel primo incontro!

Quando la mattina mi viene a svegliare (vorrei essere romantica nel dire quanto è bello il suo musino che mi sveglia a suon di bacini, ma dirò invece realisticamente che è abbastanza traumatico passare dal sonno alla veglia con delle mega lappate al sapore di carne sulla faccia!!) ci coccoliamo intensamente. (5 minuni).

Quando mi vede rientrare dal portone di casa (che io sia stata fuori mezza giornata o un quarto d’ora per andare a prendere il pane) mi salta addosso scodinzolante muovendo tutto il sedere (ho coniato per lui il verbo shakirare, che non è shakerare), mi fa sentire una regina e io lo prendo in braccio e lo accarezzo. (3 minuti).

Quando mi guarda con quegli occhi-sciogli-cuore sembra dirmi che per lui io sono tutto e io me lo bacio anche sporco di fango (o almeno spero sia fango…). (2 minuti).
 
Ecco…questi sono i nostri 10 minuti di affetto esplicito. Il resto del tempo siamo quasi sempre assieme, in giro, nei parchi, a casa, ognuno nel suo spazio, ognuno con i suoi pensieri. Ma è come se ci comunicassimo affetto di continuo. A modo nostro però! Perché sia io che il mio cane siamo fatti così!
 


...e questo piccolo spazio lo lascio ai vostri annunci per i cani in cerca di casa…

Se desiderate che sulle pagine della rubrica Jess & the Dog si parli di un cane da adottare, potete inviarmi una mail a: elfanera81@yahoo.it, mettendo in oggetto CANE IN ADOZIONE PER MRS: NOME DEL CANE, allegate 1-2 fotografie e scrivetemi tutti i dati che vedete negli annunci già presenti.
 
IMPORTANTE:
Annunci assolutamente SENZA SCOPO DI LUCRO, quindi astenersi allevatori, venditori e quant'altri non siano spinti dal semplice spirito di aiuto e d'amore nel confronti di queste bestiole bisognose.
Né io né MRS abbiamo notizie aggiuntive in merito agli annunci, né possiamo garantire la veridicità dei contenuti. Per richieste di adozione o maggiori informazioni sui cani, contattate direttamente la persona indicata nell’annuncio.

OGGI IN CERCA DI CUCCIA C’E’:
JOY

SESSO: maschio
ETA': 6 mesi
TAGLIA: futura taglia media contenuta (12/15 KG da adulto)
CARATTERE: pieno di vitalità, voglia di giocare e coccole! E' abituato a stare in casa e sa andare al guinzaglio! Va d'accordo sia coi maschi che con le femmine, anzi adora la compagnia di altri cagnoni!
SEGNI PARTICOLARI: ha una leggera zoppia alla zampa anteriore, conseguenza di una brutta malattia contratta in passato, da cui comunque è totalmente guarito. Cammina e corre come tutti gli altri cuccioli.
Attualmente si trova a Bolzano ma è adottabile in tutta Italia. 

Per ulteriori informazioni o se volete adottare JOY contattate:
GIULIA  347/3159023


 
Tag:  sogno, cambiare la vita, rifugio, volontarie, coccole, Logan

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni