Le mani invisibili di Elena Berton

Un volume rende omaggio al lavoro nascosto e silenzioso che mantiene viva l’antica arte dell’artigianato

di Marta Elena Casanova

Pubblicato lunedi, 30 maggio 2016

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Elisabeth Sandmann Verlag
Gli abiti e gli accessori non nascono certo da soli, ma a volte ci si dimentica degli artigiani che lavorano duramente, in maniera minuziosa e delicata, per dar vita a capi d'alta sartoria.

Non l'ha dimenticato, però, la stilista Elena Berton, che forte della sua esperienza trentennale nel settore sa bene cosa c'è dietro la produzione di un vestito, di una borsa. Per questo, in due anni ha fatto un viaggio attraverso i laboratori della moda e ha documentato tutto in un libro, Le mani invisibili (Sandmann Verlag).

L'autrice, attraverso il suo volume, ha spostato l'attenzione dal manufatto così come lo si può ammirare, finito, nelle vetrine dei negozi, al percorso del Making of, ovvero partendo dall'idea per arrivare, attraverso un lavoro complicato e ricercato, al prodotto. E' il grande valore del Made in Italy, una tradizione del nostro paese, che però rischia di sparire. Berton stessa, durante la presentazione del suo volume tenutasi pochi giorni fa presso i Frigoriferi Milanesi, ha raccontato che i giovani che portano avanti la grande tradizione della moda italiana sono pochissimi: spesso infatti, per motivi dettati dal mercato e dalla  grande distribuzione, si saltano passaggi fondamentali della produzione, dando meno importanza alla qualità.

La conciatura delle pelli in botti di rovere ha in Toscana origini antichissime, mentre la tecnica ancestrale dell’intreccio a mano, alla quale Berton fa ricorso da molti anni per le sue borse, riporta alla mente gli intrecci vegetali che venivano anticamente usati a protezione dei fiaschi e che sono visibili, per esempio, nei dipinti del Ghirlandaio che decorano la cappella Tornabuoni o i sofisticati decori a maglie larghe in oro che si possono scorgere sulle spalle di Elena da Toledo, moglie del granduca Cosimo, nel celebre ritratto del Bronzino conservato agli Uffizi. Le collane create con cristalli veneziani, ognuna delle quali richiede dai 400 ai 1000 cristalli e dalle 12 alle 36 ore di lavorazione, attingono alla sapienza artigianale della Serenissima celebrata dalle corti europee attraverso i secoli.

Le mani invisibili racconta percorsi che non si devono perdere, e attraverso oltre duecento immagini scattate da Marco Righes porta in un mondo affascinante, che bisognerebbe conoscere, insieme alle persone che ne fanno parte.

pp. 224
prezzo: 78 euro
Tag:  Elena Berton, Le mani invisibili, Elisabeth Sandmann Verlag, making of, produzione, alta sartoria, Marco Righes

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni