Finchè giudice non ci separi

Una divertente commedia che affronta con ironia il tema della separazione coniugale

di Giovanni Cavaliere

Pubblicato lunedi, 16 novembre 2015

Rating: 5.0 Voti: 1
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
“Finchè giudice non ci separi”, in scena fino al 22 novembre al Teatro Golden di Roma,  racconta la storia di Mauro, Paolo, Roberto e Massimo, quattro amici, tutti separati.

Massimo è fresco di separazione e ha appena tentato il togliersi la vita. Il giudice gli ha levato tutto: la casa, la figlia e lo ha costretto a versare un cospicuo assegno mensile alla moglie. Con quello che resta del suo stipendio si può permettere un piccolo appartamento di 35 mq. I tre amici gli stanno vicino per rincuorarlo e controllare che non riprovi a mettere in atto l’insensato gesto. Ognuno da consigli su come affrontare la separazione e come ritornare a vivere una vita normale. Proprio quando i tre sembrano essere riusciti a riportare alla ragione il loro amico, un’avvenente vicina di casa suona alla porta…

“Finchè giudice non ci separi”, affronta in chiave comica, ma non superficiale, le problematiche legate alla separazione coniugale.

L’esilarante commedia è caratterizzata da un ritmo serrato e da un’architettura scenica ben congeniata, che riesce a modulare l’avvicendarsi delle varie situazioni comiche, ben recitate dagli attori in scenaAngeletti, Augusto e Toni Fornari, Laura Ruocco e Nicolas Vaporidis. Un plauso particolare anche agli autori, Andrea Maia, Vincenzo Sinopoli, Toni e Augusto Fornari, che ne cura anche la regia.

Sicuramente uno spettacolo da vedere.

Tag:  Finchè giudice non ci separi, commedia, Teatro Golden, Roma

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni