Quattro chiacchiere con Laura Lombardini Pranzetti

Abbiamo intervistato l'autrice del manuale “Uomo e Gentiluomo” che ci ha regalato anche qualche utile consiglio per noi e per il nostro Lui da mettere in pratica durante le festività natalizie

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Buongiorno Laura, sei al terzo libro sul galateo. Il primo, “Dizionario contemporaneo di buone maniere”, fornisce utili consigli per mettere in pratica ogni giorno e in ogni situazione il buon vivere moderno, con “Galateo della corrispondenza” affronti tematiche relative a tutte le regole e le indicazioni per comunicare in modo corretto ed efficace, in ambito pubblico o privato.

Ora hai pubblicato, sempre con Gribaudo, “Uomo e Gentiluomo”, dove approfondisci le regole che un vero Gentlemen dovrebbe seguire per non sfigurare mai. 

Come e perché hai deciso di scrivere questo libro? A chi è dedicato?
Ho deciso di scrivere questo libro insieme al coautore Michele D’Andrea, esperto di cerimoniale, perché ci siamo accorti che mancava un manuale sul vero signore contemporaneo, almeno non ne esisteva uno recente italiano. Il libro è dedicato a tutti i signori che cercano conferma, agli uomini che desiderano essere inappuntabili, ai figli, ai mariti, ai superiori e… perché no? Alle figlie che desiderano sapere chi è un vero signore.


Courtesy of Gribaudo
Siamo in prossimità delle Feste Natalizie. Pranzi e cene con parenti, colleghi, conoscenti… Ci puoi dare qualche indicazione su come apparecchiare la tavola perfetta il giorno di Natale?

La tavola deve avere un’anima, un’anima di tradizione e di gioia. Questo di può mettere in atto con dei riferimenti al natale, privilegiando il rosso e tutte le sue sfumature, ma possibilmente senza mischiare troppi colori perché il rischio carnevale è dietro l’angolo. Banditi piatti, tovaglioli e, ancora peggio, bicchieri di carta. I più anziani, di solito i nonni, devono sedere a capo tavola e, nel rispetto della festa, l’abbigliamento deve essere adeguato: no a tute, jeans e scarpe da ginnastica.

Noi donne – almeno, la maggiorparte - stiamo già pensando al nostro outfit per il cenone di Capodanno… Qualche consiglio?
È uno dei pochi casi in cui un pochino si può esagerare nel look. Ma mai sfociare nella volgarità. La biancheria intima, in questo caso rossa, non si deve vedere perché appunto “intima” per cui privata.  Il divertimento ad ogni costo, diventa patetico.

Ma non solo… spesso e volentieri noi donne siamo accompagnatrici ad aperitivi o cene natalizie in ambito lavorativo del nostro lui. Arriviamo e veniamo abbandonate all’istante. Come ci dobbiamo comportare? Immagino che reggere un bicchiere colmo di vino, rifugiarsi in un angolo e fissare il vuoto non sia proprio l’atteggiamento più consono…
Prima di tutto bisogna regalargli per Natale, per Capodanno o per la Befana, “Uomo e gentiluomo” edito da Gribaudo! Consiglierei di mettersi d’accordo prima e se si accompagna per essere abbandonati, meglio restare a casa perché quella persona non ci merita. Infine, per non essere prese in contropiede, vedere qualche altra accompagnatrice abbandonata e mettersi a parlare con lei, magari può nascere una buona amicizia.

Tornando invece a te…

Spiegateci in poche parole chi sei.
Forse dovrebbero dirlo gli altri! Osservatrice attenta della società? Sicuramente studiosa di storia, docente di cerimoniale e relazioni esterne, senza mai dimenticare l’ironia. Non prendersi troppo sul serio aiuta a stare meglio con gli altri.

Come è iniziata la tua avventura?
Quattro anni fa, sollecitata dal direttore editoriale di Gribaudo Feltrinelli durante un’occasionale chiaccherata e da lì è nata un’amicizia, cui hanno fatto seguito tante altre pubblicazioni e progetti

Un progetto per il futuro?
Le idee sono tante, come anche l’entusiasmo, per cui direi continuare a scrivere, andare in tv e a parlare in radio. Momento positivo. E con l’occasione auguri di serenità e un anno migliore, con educazione.

Tag:  Uomo e Gentiluomo, Laura Pranzetti Lombardini, Michele D’Andrea, Gribaudo, buone maniere, manuale, look, uomo, gentleman

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni