Chocolat

Commedia sentimental-gastronomica con Juliette Binoche, Judi Dench, Lena Olin, Johnny Depp e Alfred Molina. 2000 Regia di Lasse Hallström DVD distribuito in Italia da: Eagle Pictures, 2008

di Anna Battaini

Pubblicato lunedi, 5 luglio 2010

Rating: 4.3 Voti: 13
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
"C'era una volta un piccolo e silenzioso villaggio nella campagna francese dove gli abitanti credevano nella Tranquilité, la tranquillità. Se vivevi in questo villaggio, sapevi ciò che ci si aspettava da te. E se ti capitava di dimenticarlo, qualcuno ti avrebbe aiutato a ricordarlo.. se vedevi qualcosa che non avresti dovuto vedere, imparavi a guardare dall'altra parte. E se per caso le tue speranze venivano disattese, imparavi a non chiedere più.. Finché, un giorno d'inverno, soffiò un' irrequieto vento del Nord.."

Tutte le favole che si rispettino cominciano con "C'era una volta" e come avrebbe potuto questa poetica fiaba dei giorni nostri cominciare in un modo differente? La diversità sta nel fatto che le favole abitualmente hanno come protagonisti, principi e principesse, streghe e maghi, orchi e draghi.. Questa è l'unica eccezione, in cui l'attore principale è il cioccolato, in tutto il suo splendore. Un protagonista capace di risvegliare i sensi e stimolare appetiti sopiti.

Ancora una volta il cibo viene usato come metafora della vita. Sospinte dal vento del Nord, arrivano infatti nel piccolo villaggio Vianne e sua figlia Anouk. Vianne, che del magico mondo del cioccolato conosce ogni più recondito segreto, decide aprire una chocolaterie, proprio di fronte alla chiesa nel periodo dell'anno dedicato alla penitenza e al digiuno.. la quaresima. Quale scelta potrebbe essere più bizzarra e provocare lo sdegno dei benpensanti?
La reazione degli abitanti all'arrivo di Vianne ci fornisce lo spunto per una riflessione su come, spesso, il genere umano si faccia scudo della religione per fare proprio il contrario di ciò che la religione insegna. Vianne viene osteggiata in quanto diversa e anticonvenzionale. ma non è stato proprio Gesù a predicare di amare il nostro prossimo come noi stessi? Certo, è molto facile quando questi si comporta secondo gli schemi che noi riteniamo giusti, ben più difficile quando il prossimo sembra essere tanto diverso.. ma in fondo cosa significa diverso?
Non consideriamo forse tale tutto quello che non siamo in grado di capire e che quindi ci spaventa? Non è forse diverso qualunque cosa rappresenti quello che vorremmo essere senza averne il coraggio? Quante volte gli uomini travisano la parola di Dio attribuendogli un significato diametralmente opposto a quello originale.

Ma, a poco a poco, il cioccolato e la stessa Vianne riuscirànno a far breccia nel cuore degli abitanti, a cominciare dall'anziana diabetica Madame Armande - Una splendida Juni Denche -. E come non riuscirci, quando si possiede il talento naturale di intuire e precedere i gusti del prossimo? Inoltre i dolci della chocolaterie risulteranno avere proprietà terapeutiche miracolose, tanto dal punto di vista fisico che da quello mentale.
Come ogni favola degna di questo nome non può ovviamente mancare l'amore, e in Chocolat esso è presente in tutte le sue declinazioni. Una commedia sul cibo e sulla tolleranza, magistralmente interpretata da un pool di attori d'eccezione. In nomination per 5 Oscar e 8 BAFTA, senza averne, purtroppo, vinto alcuno, consiglierei la visione di questa pellicola accompagnata da una tazza di cioccolata calda con un pizzico di peperoncino.. parrebbe avere effetti stupefacenti.
Tag:  Chocolat, Juliette Binoche, Judi Dench, Johnny Depp, Eagle Picture

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni