Il dopo Sanremo

La canzone e la moda italiana all’ombra del Tricolore

di Dea Mazzilli

Pubblicato lunedi, 21 febbraio 2011

Rating: 4.2 Voti: 15
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
In un mondo che grida libertà, schiavo di se stesso e di quello che è diventato, nell’Italia dei Berlusconiani, dei Finiani, dei Rubyniani, in questo “bunga bunga” generale c’è chi grida: “stiamo uniti” e lo fa dal palco del Festival di Sanremo.

Sto parlando di Gianni Morandi e delle sue "vallette" (e valletti): Elisabetta Canalis, Belen Rodriguez, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, tutti uniti a celebrare il made in Italy nell’anniversario della sua unità.

Smetto subito con la saggezza - altrimenti sembrerò un surrogato mal riuscito del nostro Stefano Magni o della nostra super-Paternoster - per parlarvi con un po’ di veleno e zucchero del luccichio di paillettes, lustrini, pizzi e merletti di Sanremo 2011.

La kermesse, si apre con Antonellona nazionale che ci affetta le budella con la sua meravigliosa  storia di madre lasciando virtualmente il testimone al re degli anni sessanta, quasi sopraffino nello sfavillante smoking firmato Salvatore Ferragamo, che forse si perde un pò nella splendida scenografia “anti crisi” di Gaetano Castelli.
Non siamo ancora seduti davanti alla TV e subito Luca e Paolo scatenano la prima polemica con una sorta di rifacimento della celeberrima “In Amore” del duo Morandi-Cola il cui ritornello viene rivisitato in “Ti sputtanerò….[….]”.

Tra i primi artisti ad esibirsi Miss D’Alessio, in versione lesbo-punk di Gaetano Navarra, calzando Diego Dolcini, a cui seguono loro, le dee delle dee, le miracolate dalla sorte, le fidanzate dei fidanzati.. rigorosamente in ordine alfabetico: Canalis e Rodriguez (Ferretti vs Versace), splendide da guardare ma un po’ troppo ingessate e giustamente emozionate le due fanno scorrere la serata tra tanghi argentini e imitazioni poco riuscite di Uma Thurman in Pulp Fiction.

Scusate la digressione, torno subito nei ranghi e vi parlo dei cantanti: Giusi Ferreri che sfoggia una scollatura decisamente profonda, Anna Oxa che pare stia passando un periodo in cui ama il blu (e i pantaloni pelosi, ndr) e Patty Pravo di nero vestita.
Ed ancora il re di Cellino: Al Bano, che parte dal ripescaggio per arrivare al podio toccando temi di attualità, cantando della povera Amanda costretta ad una vita che non è la sua (potrebbe sempre provare a sentire il nostro presidente del consiglio che sicuramente le darebbe una mano! ndr).

A malincuore devo ammettere che Max Pezzali, che mi ha fatta sognare da ragazzina con “Come mai” canta, si è presentato sul palco vestito un po’ da… ricottaro: “Il mio secondo tempo”… un uomo in declino. Max riprenditi!
E poi loro, i favoriti alla vittoria, (che come tutti i favoriti arrivano secondi ndr): i Modà con la special guest Emma Marrone (poteva mancare un ex di “Amici”?). Lui, Francesco Silvestre, si spoglia per un attimo dei giubbotti in pelle presenti in tutti i suoi video e indossa giacche lucide e grintosissime, e non da meno la bionda Emma ci delizia con mini abiti in seta impalpabile quasi in contrasto con la sua voce che è più vicina al taglio di capelli decisamente punk.
Amici-X-Factor uno a uno (perché le case discografiche vanno accontentate, ndr) ed ecco i rossi capelli di Nathalie che con la sua “Vivo sospesa” ci regala un’interpretazione bella ed un look gotic-chic che ci piace nonostante gli anfibi mozza-gambe. Del resto il suo stile è questo e lei non cambia, bensì canta.

E in mezzo ai superospiti, del calibro di Benigni - che ci fa vivere uno stupendo momento di televisione -, dei Take That, di De Niro, della nostra Monica Bellucci,passano, scivolano, e svirgolano ancora una volta Eli e Belen, inguainate in (per citarne solo alcuni) Versace, Westwood, Armani, Alberta Ferretti, Moschino; e con sommo rammarico dico che avrei voluto vederle  fluttuare in abiti più impalpabili e meno ricercati, sexy si, ma non a tutti i costi! Le avrei volute più briose, le avrei volute vedere farsi meno “complimenti” ed essere più “vere”…

Doveroso il finale per il vincitore: il professor Vecchioni che gioisce di una vittoria meritata con una canzone d’amore degna della melodia tutta italiana di Sanremo.

Siamo già alla settimana post-sanremese e tutto è finito, si spengono le luci, tacciono le voci, sono qui davanti al pc che cerco di inventarmi un finale adeguato ma per una volta vorrei che fosse la musica a parlare. Quindi godetevi i vincitori, che vi piacciano o no.

Tag:  Sanremo, Belen Rodriguez, Elisabetta Canalis, Gianni Morandi, Roberto Vecchioni, Benigni

Commenti

21-02-2011 - 13:33:16 - Dea
Mi gasi Annina!!
21-02-2011 - 13:41:57 - anonimo
Bravissima Dea, complimenti !! - Sara
21-02-2011 - 13:57:00 - Annina
Brava Dea!!!
21-02-2011 - 14:46:07 - Cecilia
Non potevo non commentare il tuo articolo!!!! Bravissima come sempre, mi piaci sempre di più! Quest'anno Sanremo non l'ho seguito (forse meglio così no? non mi sono persa niente!) ma guardando qualche scoop ed ascoltando qualche canzone quà e là non posso che darti pienamente ragione! Brava! Complimenti Super come sempre! A presto! ;)
21-02-2011 - 16:48:54 - anonimo
hai ragione anche sul fatto che la Clerici HA ROTTOOOOO!!!! - Sonia -
21-02-2011 - 16:51:53 - Lulù
Vogliamo parlare di come cammina la povera Clerici?
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni