La futura principessa Kate e i suoi look

Da una sfilata in abiti succinti alla navata di Westmister di bianco vestita: la scalata fashion della donna che ha fatto innamorare il principino William

di Dea Mazzilli

Pubblicato giovedì, 2 dicembre 2010

Rating: 3.0 Voti: 24
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
SAVE THE DATE, amiche di MRS! Perché il 29 aprile 2011 avrete la fortuna di assistere al matrimonio dei matrimoni che segnerà un lieto fine ed un nuovo inizio per l’amore tra il principe William Windsor e la bellissima, quanto priva di sangue blu, Catherine Elizabeth Middleton.
In attesa di ammirarla di bianco vestita esploriamo alcuni dei suoi look che negli anni di fidanzamento con Mr. William l’hanno resa celebre ed addirittura citata da Vanity Fair (nel 2008 ndr) come una delle donne meglio vestite al mondo.
Lei che con disinvoltura passa dal cappellino piumato a stivali e abito corto, lei che sorride e dispensa saluti, oppure scansa infastidita i fotografi, è diventata un’icona anticonformista che piace, piace, piace!!!
 
C’era una volta il principino William…
 
Volete sapere com’è capitolato l’erede al trono d’Inghilterra?
Proprio grazie ad un abito semitrasparente, semi corto, semi e basta che lei indossò ad una sfilata di beneficenza quando era ancora una studentessa single della St. Adrews University. Si narra infatti che lui pagò ben 200 sterline per poter assistere in prima fila a cotanta bellezza femminile.
Quella sera costei azzeccò, come si suol dire, il look! (Ad oggi l’abito vale 100 mila sterline, ndr!)
 
Poi arrivò il 2007, e l’outfit  composto da mini-abito di Top Shop, calze nere e stivali scamosciati, make up acqua e sapone e giacca di pelle fece il giro del mondo suscitando scalpore nelle alte sfere dove il cappellino e il tailleur confetto dettano legge -“perché una futura principessa non può indossare un abito low cost”-. Ebbene la catena fece il boom di vendite e lei mise la prima tacca da fashionista del secondo millennio.
 
Che ne dite, quindi, dei cappottini informali in abbinamento a stivali, colbacchi, sciarpe e guanti in total black? Meravigliosi!
 
Ma parliamo anche della notte, perché lady Kate passa dai mini abiti black and withe alle paillettes. E niente collant, nonostante le bassissime temperature… perché by night c’è chi sa osare! E lei eccome se osa!
 
Impossibile poi non accontentare la futura nonna Elisabetta, indossando con disinvoltura quegli "allegri" cappellini inglesi ricchi di piumette e fronzoli, oppure quelli a tese larghe, anzi, larghissimi, poco pratici, ma tanto, tanto british. Quando si dice un colpo al cerchio ed uno alla botte..
La signorina pecca solo un tantino nei tacchi, che non indossa volentieri.. ma lei, ci piace anche così, senza dodici centimetri di aggiuntina!
 
La sua stilista preferita? Daniella Issa Heyakel, che l’ha vestita talmente bene il giorno dell’annuncio delle nozze in conferenza stampa che l’abito blu è andato in sold-out in sole 24 ore. Nemmeno Sarah Jessica Parker è arrivata a tanto!!!
 
Tornando al giorno del si, la location scelta per la regal cerimonia sarà Westmister, mentre non si sa ancora nulla sul luogo del ricevimento e su chi avrà l’onore di vestire la sposa.
 
E pensare che tutto partì da un reggiseno ed un paio di mutande…
 
A presto mie piccole principesse dal sangue rosashokking! D’ora in poi un occhio in più anche all’intimo!
Tag:  William Windsor, Catherine Elizabeth Middleton, Regina Elisabetta, Westmister, nozze

Commenti

22-01-2011 - 18:40:02 - anonimo
ciao
29-04-2011 - 15:12:36 - Pippa
Il vestito di Cate è splendido....molto più bello del vestito con cui se l'è accalappiato.
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni