Proposta di matrimonio: come scegliere l’anello giusto

L’anello suggella la vostra promessa d’amore e sarà l’elemento sorpresa che determinerà il successo della vostra proposta. Ecco alcuni consigli per non sbagliare

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Tutte le donne sognano segretamente fin da bambine, il giorno in cui il loro amato s’inginocchierà per fare la fatidica domanda. Detto e considerato questo, caro uomo che hai faticosamente deciso di compiere il grande passo, sei veramente sicuro di avere pensato a tutto e di sapere cosa fare?

Inutile dire che il margine di errore permesso in questi casi è pari a zero e che ogni dettaglio, nessuno esluso, deve essere assolutamente perfetto!

Probabilmente ora che stai leggendo quest’articolo l’agitazione sarà aumentata, ma questo è un bene: devi essere perfettamente cosciente dell’importanza del momento! Però niente panico! C’è un’arma che può aiutarti a sferrare il colpo decisivo per il tuo successo: parliamo dell’anello naturalmente!

Eh sì, non soltanto questo sarà il passo che cambierà radicalmente la tua vita per sempre ma sarà anche quello che comporterà anche un notevole alleggerimento del portafogli! L’anello per la proposta di matrimonio, deve essere l’oggetto che esprime tutto il tuo amore per lei e che deve suggellare la vostra unione per l'eternità, quindi dimentica di risparmiare e preparati a puntare in alto.

La tradizione vuole che sia un solitario, e per chi fosse completamente digiuno sull’argomento, mi sto riferendo all’anello con singola pietra incastonata; questo deve essere poi in platino o in oro, giallo, bianco, rosa o rosso e naturalmente con diamante, meglio se accompagnato da una certificazione internazionale (GIA, IGI, HRD, De Beers), soprattutto se la pietra è pari o superiore a 0,30 ct.

Per quelli di voi che poi hanno a che fare con ragazze stravaganti, niente paura, potrete optare su anelli con pietre colorate, come lo splendido zaffiro blu dell’anello di Lady D.

Tieni bene a mente poi che l’anello che sceglierai sarà quello che lei porterà al dito per il resto della sua vita, quindi devi selezionarlo in base ai suoi gusti. Non sai da che parte iniziare? Era prevedibile, ma non disperare: comincia studiando le tipologie di anelli che indossa tutti i giorni. Nessun risultato? Ricorri all’aiuto di un’alleata: andranno benissimo la sorella dell’amata, la mamma oppure l’amica più cara; così sarai sicuro di non sbagliare.

Un altro consiglio da non dimenticare è quello di affidarsi sempre a esperti, la spesa è ingente e il rischio di poter sbagliare elevato.

Conoscere le 4C (carato, colore, trasparenza -clarity- e taglio -cut), affidarsi a persone competenti nel campo e rivolgersi a gioiellerie di fama, sono i primi passi per acquistare un anello di fidanzamento adatto. Oggi è possibile farlo anche direttamente dal web, come ad esempio sul sito di LeS Creations, un vero e proprio laboratorio orafo online che ti aiuterà a progettare il tuo anello per la proposta di matrimonio.

Non cantare vittoria, ancora non puoi dirti pronto per la proposta, c’è un altro dettaglio fondamentale su cui devi lavorare: la misura del dito dell’amata. Non c’è niente di più brutto nel fare una sorpresa e regalare un anello troppo largo o stretto. Armati di tutta la discrezione possibile e trafuga uno dei suoi anelli per essere certo della giusta dimensione!

A cura di Chiara Bucalossi
Tag:  Anello di fidanzamento, proposta di matrimonio, carati, solitario, laboratorio orafo online, LeS Creations, diamante

Commenti

05-01-2017 - 18:01:39 - Anna
mi piacerebbe ricevere uno di questi anelli http://stileo.it/accessori/accessori-donna/gioielli-donna/anelli-donna :-)
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni