Sud Africa

Nella terra dei Mondiali, tra percentuali incredibili di violenza e metodi anti-stupro "medioevali"

di Stefano Magni

Pubblicato mercoledì, 29 settembre 2010

Rating: 3.3 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Del Sud Africa, fino alla settimana scorsa, si parlava solo per i Mondiali 2010. Tutte le altre notizie dalla prima potenza economica africana erano completamente eclissate. Adesso, però, da quando la nostra squadra è stata eliminata ed è tornata mestamente in Italia, salta fuori qualche altro particolare dal remoto Paese con la bandiera arcobaleno. Anzi: qualche altro simpatico gadget.

Archiviate definitivamente le ronzanti vuvuzela, salta fuori il Rape-aXe, letteralmente un preservativo femminile anti-stupro. Sì. Avete sentito bene. E’ la reificazione di uno dei peggiori incubi maschili di tutti i tempi: una vagina coi denti. A brevettarla è stata la dottoressa Sonnet Ehlers, la quale assicura la massima pena (fisica) per chi prova a violare una donna che si protegge con la sua invenzione: dolori “indescrivibili”, difficoltà a urinare e a camminare. Trentamila di questi aggeggi infernali sono stati distribuiti gratuitamente alle donne sudafricane in occasione dell’inizio dei mondiali. Per l’immediato futuro è prevista la loro commercializzazione a bassissimo costo. Inutile dire che i già contestati taser o spray al peperoncino impallidiscono di fronte al nuovo metodo anti-stupro. Tanto che a intervenire contro la sua commercializzazione è l’Ong internazionale in difesa dei diritti umani Human Rights Watch, che la definisce una “cura medioevale” contro un male sociale. L’inventrice Sonnet Ehlers replica che è lo stupro ad essere una pratica medioevale da combattere e stroncare, non tanto la sua nuova cintura di castità volontaria.

Se in Sudafrica si arriva a concepire un metodo difensivo così crudele, c’è un perché. Il Paese, dalla fine del regime dell’Apartheid nel 1990, è il più liberale di tutto il continente africano, risulta però piagato da un tasso di criminalità e di violenza sulle donne fra i più alti al mondo.
La Costituzione garantisce pari diritti a uomini e donne. Le discriminazioni di genere (sia nei confronti delle donne che dei gay, che possono sposarsi liberamente) sono promosse sul campo dalla Commissione per l’Eguaglianza di Genere. Nessuna legge locale o consuetudinaria permessa dalla Costituzione può violare i diritti delle donne.

Le discriminazioni sociali e sessuali sono dunque prodotto della mentalità di gran parte della popolazione sudafricana, non delle leggi locali. Benché presenti nella politica nazionale in modo massiccio (il 45% dei seggi parlamentari) e guidino 5 delle 9 province, sul lavoro subiscono ancora discriminazioni, sia nelle assunzioni che nella possibilità di far carriera.

La violenza sessuale è la piaga peggiore. Una ricerca condotta dal South African Medical Research Council nel 2009 rilevava che 2 uomini su 5 ammettono di aver commesso violenze sessuali ai danni della propria partner. Mentre 1 su 4 ammettono di aver commesso un reato di stupro ai danni di sconosciute. Dunque, una percentuale impressionante dei cittadini maschi sudafricani è costituita da stupratori seriali, occasionali o potenziali.

In Sudafrica, poi, lo stupro è una minaccia mortale per le donne, molto più che in altri Paesi del mondo: l’11% della popolazione è affetta da HIV/Aids. Merito anche della politica dell’ex presidente Thabo Mbeki (1999-2009), scettico sul legame fra HIV e Aids. Il suo governo ha inizialmente consigliato ai suoi cittadini di abbandonare cure anti-retrovirali a vantaggio di metodi tradizionali di indubbia inefficacia. Anche per motivi ideologici: il governo Mbeki era convinto che i farmaci anti-retrovirali fossero una cospirazione delle multinazionali per raggirare i popoli africani. Il risultato è che, dal 2000 al 2005, circa 330mila persone sono morte di Aids. E 5,5 milioni ne sono affetti.
E’ chiaro che in un ambiente così ostile, alle donne venga naturale difendersi dallo stupratore con tutti i mezzi. Se necessario con le unghie. E coi denti.
 


Tag:  Sud Africa, Sonnet Ehlers, violenza sessuale, metodi antistupro, Aids

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni