Più donne al lavoro significa più crescita

Rapporto OSCE 2012, Act now

di Sara Avesani

Pubblicato venerdì, 21 dicembre 2012

Rating: 5.0 Voti: 10
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Presentato a Parigi pochi giorni fa, il rapporto Osce, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, “Closing the gap, sottotitolato Act now”, rivela, senza troppe sorprese, che l’Italia ha uno dei peggiori tassi di occupazione femminile in Europa.

Il nostro Paese si colloca al trentaduesimo posto nella classifica per il livello di partecipazione femminile nel mercato del lavoro: 51% contro una media Ocse del 65%, dopo di noi solo Turchia e Messico.

Nonostante i risaputi successi delle donne che, non solo si laureano in maggior numero ma con votazioni migliori, ci troviamo di fronte ad uno vero e proprio “spreco di forza lavoro”. L’impegno delle donne nella cura di casa e famiglia, una sotto rappresentanza nei consigli di amministrazioni, nelle posizioni apicali delle aziende e il contesto politico poco attento alle politiche sociali sono i fattori determinati di questa non-crescita.

Non si tratta qui di fare del femminismo o di privilegiare le donne ma solamente di una questione di diritto, “l'eguaglianza tra i sessi nel mondo del lavoro viene prima di tutto”, ha sottolineato anche il ministro Fornero intervenuta al Forum di presentazione.

Il rapporto Osce fortunatamente lancia un vero piano di azione, da qui il nome act now perché, afferma, “se ci si spingesse con più attenzione ad una Womeconomics ci sarebbe un beneficio economico generalizzato soprattutto per l’Italia”. E se, continua, “a parità di altre condizioni, nel 2030 la partecipazione femminile al lavoro raggiungesse gli standard maschili, la forza lavoro italiana crescerebbe del 7% e il Pil pro-capite crescerebbe di 1 punto percentuale l'anno nel nostro Paese”.

Donne e uomini siano uguali nel mondo del lavoro, prima che di benefici economici si tratta di diritto.
Tag:  Osce, Closing the gap, gender balance, act now, pil

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni