Vinitaly 2017: è record storico del numero degli espositori

La conclusione della cinquantunesima edizione del Vinitaly ne ha decretato il successo

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La cinquantunesima edizione del Vinitaly, tenutasi dal 9 al 12 aprile a Verona, si è appena conclusa ed è stata caratterizzata da un’ottima affluenza di visitatori, confermando una presenza di appassionati e operatori che sempre di più si avvicinano al mondo dell’enologia. Il numero di espositori ha raggiunto un nuovo record, con 4.272 aziende distribuite tra i diversi padiglioni della Fiera, di cui 4.049 italiane e 223 estere, superiori del 3,3% rispetto all’anno precedente.

L’esposizione veronese ha confermato l’importanza della spumantistica italiana sul mercato, tanto da aver trainato nel 2016 l’export (grazie al Prosecco), portandolo a 5,6 miliardi di euro, con un aumento rispetto all’anno scorso del 4,3%. Un po’ più in difficoltà il comparto dei vini fermi. L’Italia è il paese che ha avuto la maggior crescita produttiva, mentre sul fronte dell’esportazione, l’Italia rimane un passo indietro rispetto alla Francia.

In questi giorni di Fiera si è evidenziata una tendenza orientata verso l’agricoltura biologica, testimoniata da uno sviluppo del vino bio pari al +295% in Europa e del +280% a livello mondiale.  L’Italia ha invece il primato di superficie con l’11,9%, mettendola sul podio rispetto al resto del mondo. Il Franciacorta è tesa a diventare la prima denominazione totalmente bio a livello internazionale, seguita a ruota dalle Cantine Ferrari, i cui vigneti trentini, e destinati al Ferrari Trentodoc, hanno ottenuto la certificazione biologica.

Uno sguardo particolare all’Asia, con un evento intitolato “La via della seta per il vino italiano” e la presenza di Robert Yang, numero uno di 1919, il più grande distributore di vino nel Paese del Dragone, con oltre mille punti vendita e il più grande negozio sulla piattaforma online Alibaba. Un passo avanti, dato che il Paese del Dragone rappresenta ancora una sfida per l’Italia, con una quota di mercato pari al 5,6%.

I consumatori sempre di più chiedono vini di qualità e legati al territorio e mai come adesso, il Vinitaly ha portato alta la bandiera dell’internazionalizzazione, della formazione e dell’innovazione. Tutti elementi determinanti per assecondare il trend di crescita del vino italiano all’estero.

Insomma… un grande successo da coronare con un brindisi!
Tag:  Vinitaly, enologia, vini, Verona, Robert Yang, Prosecco, Cina, export

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni