La gioia di Jay, il cuore di Samaras

Ha commosso il mondo intero l'addio al Celtic di Giorgos Samaras che saluta Glasgow e porta in spalla Jay, un bambino tifoso affetto dalla sindrome di down

di Valentina Resta

Pubblicato lunedi, 19 maggio 2014

Rating: 5.0 Voti: 8
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Non solo Genny a’ Carogna, per fortuna. Quando lo sport ci regala emozioni come quella che ha travolto un ragazzino disabile in Scozia durante i festeggiamenti del campionato vinto dal Celtic, non c’è spazio per polemiche, accuse, invettive sprezzanti contro un calcio malato. Perché il calcio non è tutto malato, perché scene come questa sono reali, ci sbattono davanti uno scorcio di verità che non è possibile, né giusto, ignorare. E ci fanno rivalutare uno sport capace, come pochi, di far battere il cuore.  

Per una volta accantoniamo le parole, corredo non indispensabile di una fotografia estremamente commovente e godiamoci, attraverso gli occhi di questo bambino speciale, che sono anche i nostri, il sapore di una vittoria altrettanto speciale. La vittoria di un’umanità, il successo di una semplicità che dovrebbe essere sempre la base di qualunque comportamento, sportivo o non.

L’allenatore del Celtic, Neil Lennon, consegna la medaglia al piccolo Jay, l’attaccante dei campioni di Scozia, Giorgos Samaras, nel giorno del suo addio al Celtic, lo prende in braccio e gli regala il giro di campo.

Guarda il VIDEO 
Tag:  Giorgos Samaras, Celtic, Jay, vittoria speciale, campionati di Scozia, giro del campo

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni