Pussy Riot - A punk prayer

Il documentario che ripercorre le vicende delle attiviste russe, dallo scandalo alla condanna, verrà trasmesso in streaming da MYmovies

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Tutto ha inizio nel febbraio 2012, quando in rete compare per la prima volta un video-scandalo che, con effetto virale, viene diffuso in tutto il mondo suscitando clamore nell’opinione pubblica: le protagoniste del filmato sono quattro donne che, con indosso altrettanti passamontagna colorati, si esibiscono in una performance inedita e alquanto anomala.

A colpi di musica punk, le ragazze irrompono nella chiesa ortodossa più importante di Mosca e interpretano un brano-accusa denso di politica e collera, destinato a colpire Vladimir Putin.

Da qui nasce la vicenda processuale del collettivo Pussy Riot che il documentario Pussy Riot -  A punk prayer cerca di ripercorrere (a partire dallo scandalo iniziale fino alla condanna), contestualizzandola all’interno della storia contemporanea russa.

Vincitore del Premio speciale della Giuria – World cinema documentary e presentato in anteprima italiana al Biografilm Festival 2013, Pussy Riot – A punk prayer è stato distribuito nelle sale lo scorso 12 Dicembre da I Wonder Pictures e il 4 febbraio alle ore 21.30 sarà programmato gratuitamente sulla piattaforma streaming MYMOVIESLIVE! solo per i primi utenti che ne faranno richiesta.

L’accesso alla visione in streaming è gratuito: basta collegarsi a questo link, registrarsi e attivare un profilo Free o Unlimited.

Pussy Riot - A punk prayer
di Mike Lerner e Maxim Pozdorovkin
4 febbraio 2013
Ore 21.30
In streaming su: MYMOVIESLIVE!

 
Tag:  Pussy Riot - A punk prayer, MYMOVIESLIVE!, streaming, documentario, Vladimir Putin, collettivo russo

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni