Essenze Vegane di Carlotta Trumino e Patrizia Baggio

Chef vegane a domicilio per cene con amici, incontri romantici, colazioni, brunch, merende, tea time o vegaperitivi. Ecco la 'sana' idea imprenditoriale di Carlotta e Patrizia

di Silvia Menini

Pubblicato mercoledì, 14 dicembre 2011

Rating: 4.8 Voti: 24
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Nessuna voglia di cucinare e avete amici a cena? Oppure volete organizzare un incontro romantico ma rimanere nella privacy della vostra casa senza dover attaccarvi ai fornelli? Vi piace l’idea di proporre un menù alternativo per stupire gli invitati? Carlotta e Patrizia saranno le vostre Chef Vegane (e BIO) a domicilio e si occuperanno di tutti i dettagli: dalla spesa (con ingredienti di stagione, freschi e biologici) alla preparazione della tavola (oltre che del cibo, ovviamente) con un’attenzione particolare all’atmosfera, fino al servizio al tavolo (se richiesto).
Il Menù? Sano e appetitoso, segue il principio della dieta vegana e permette di intraprendere un affascinante percorso di sapori tutto da scoprire.


Abbiamo intervistato Carlotta che ci ha raccontato come è nato il progetto di Essenze Vegane e in cosa consiste.

Raccontateci in poche righe di Voi.
Patrizia e Carlotta, due personalità con due età molto diverse ma unite da un unico progetto e una sola passione.
Patrizia è una mamma di 3 figli con l’amore per la cucina, sperimentatrice di nuovi gusti e sapori.
Carlotta, 22 anni, si è appena laureata in comunicazione a Milano. Amante di tutto ciò che riguarda il cibo, fin da piccola adorava organizzare cene a tema a casa sua.
Quindi, legate fortemente dalla passione per la buona tavola - e riti annessi -, si sono unite per dare forma a un progetto creativo, ma soprattutto etico: “ Chef vegan a domicilio”.

Cosa significa Vegan e quali sono le “bugie” più diffuse su questa filosofia/dieta?
La parola "veganismo" denota una filosofia e un modo di vivere che si propone di escludere  (nella misura in cui questo è ‘praticamente’ possibile) tutte le forme di sfruttamento e di crudeltà verso gli animali, perpetrate al fine di produrre cibo, indumenti o per qualsiasi altro scopo. Promuove quindi lo sviluppo e l'uso di alternative non-animali per il bene dell'uomo, degli animali e dell'ambiente. Da un punto di vista dietetico indica la pratica di evitare qualsiasi prodotto derivato, in tutto o in parte, dagli animali.
In merito alle bugiepiù diffuse sul mondo vegan, direi: il cibo è caro; ci si ammala (anemia) perché scarseggiano le proteine generalmente assunte con la carne; è un cibo noioso, poco variegato e triste, perché si pensa erroneamente che si mangi insalata tutti i giorni.
 
Come vi siete avvicinate al veganismo?
Patrizia è sempre stata vegetariana e poi vegana. Fin da piccola ha sviluppato una particolare sensibilità  riguardo il rispetto degli animali e contro ogni tipo di sfruttamento e maltrattamento.
Afferma: “ Trovo ingiusto e disumano dover uccidere un altro essere vivente per il  nostro piacere e benessere”.
Carlotta si è avvicinata al mondo vegano per vie differenti, ovvero per  intolleranze alimentari e per una sensibilità maturata nel corso degli anni, a seguito della visione di numerosi documentari incentrati sulle condizioni terribili di molti animali, nelle quali sono costretti prima a vivere, poi a morire.
 
Com’è nata l’idea di creare questo progetto?
L’idea di creare questo progetto, nasce da due sogni: far conoscere questa filosofia di vita a più persone possibili, dimostrando che si può mangiare bene, soddisfacendo il proprio palato con ricette gustose e creative, anche senza l’utilizzo di prodotti animali.Il secondo sogno è quello di poter unire e dare sfogo alla nostra creatività, mettendola a servizio degli altri.
 
Quali servizi offrite? A chi vi rivolgete?
I servizi sono molteplici e vanno a coprire tutti i momenti golosi della giornata: dai pasti più classici, quindi pranzo e cena, ai momenti più divertenti, come il tea time, il vegaperitivo, piuttosto che il brunch e la colazione.
Ci rivolgiamo a tutti coloro che amano sperimentare nuovi gusti e nuove realtà.
 
Come vi dividete i compiti? Come avete strutturato Essenze Vegane?
Carlotta si occupa delle pubbliche relazioni e dei contatti, sia dal punto di vista dei clienti, sia con le istituzioni. Patrizia invece è lo chef ufficiale.
Quando vengono chiamate per un servizio, si muovono sempre insieme, perché il tutto viene creato da entrambe.
 
 Cosa rende Essenze Vegane unico?
“Essenze Vegane” è un mix di diversi ingredienti: credere fortemente in quello che si fa, avere una forte passione e trasmetterla a tutti coloro che ci stanno intorno, mantenere alto il livello di creatività, avere cura dei dettagli. Poi fondamentale è la cortesia, nonchè la spiritualità racchiusa in ogni gesto.
 
3 cose positive e 3 negative in cui vi siete imbattute fino ad ora.
3 cose positive:
- non mangiare carne abbassa il livello di aggressività e
- si reagisce meglio allo stress.
- nobilita l’animo
3 cose negative:
- il provincialismo delle persone e quindi diffidenza
- vieni visto dagli altri come una mosca bianca
- ilcibo è ritenuto noioso a priori
 
Un progetto per il futuro
Creare dei laboratori di cucina vegana per bambini direttamente nelle case di chi ci chiama, quindi far conoscere a bimbi e ragazzi cosa si nasconde dietro il tanto amato hamburger...



Per contattare Carlotta e Patrizia
visita la pagina di FB dedica a Essenze Vegane


Scopriamo insieme una delle proposte di Carlotta e Patrizia:
MENU' SPECIALITA' VEGANE DAL MONDO

 
 
Tag:  Essenze vegane, Carlotta Trumino, Patrizia Baggio, chef a domicilio, biologico, animali, gusti nuovi

Commenti

20-07-2012 - 09:25:56 - bianca
siete super !!!!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni