Zio Santu

Il panino dello Zio più piccante d‘Italia

di Andrea Vercelli

Pubblicato lunedi, 31 ottobre 2011

Rating: 4.4 Voti: 14
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Non è difficile arrivarci.

Si prende un aereo per Lamezia Terme.
Lì si affitta un'automobile e si prende la superstrada direzione Catanzaro.

Dopo una ventina di chilometri si esce;  una decina di curve e si arriva da Zio Santu.

Una baita arroccata su una collina. Tutto verde intorno.
La costruzione è di pietre grigie, con il tetto spiovente.

Una scala ti conduce a una porticina.

Entri  in un piccolo locale, tre pareti occupate da panche in legno, e una da un banco frigo colmo di soppressate, capocolli, caci, peperoncini e ogni forma di piccante conosciuta.

Dietro al banco c'è lui, Zio Santu, lo zio di tutti.

Ti guarda, ti saluta e, senza chiederti cosa preferisci, comincia lentamente a prepararti il panino.
Ti osserva mentre sceglie, per te, i vari ingredienti.
Due pomodorini secchi, una melanzana all'olio e un pezzo di caciocavallo. Poi si ferma, ti domanda di cosa ti occupi e, mentre rispondi, lui decide il grado di piccante che meriti.

Certo, perché mangiare il piccante di Zio Santu è un premio, tarato sul contributo all'Umanità che tu dai.
Lui è il giudice, l'artefice del panino.

Non è un pranzo, è Eucarestia.

Avvolge il panino in un pezzo di carta, mentre pensa a cosa devi bere.

Con la bottiglietta di birra in una mano e il pane nell'altra ti siedi su una delle panche, a fianco a persone come te.
E lui comincia, parla.

 Conosce il mestiere di tutti, crea relazioni, dà i suoi giudizi in merito a mercati, prodotti, innovazioni.

Ascolta con interesse  i discorsi che inevitabilmente nascono tra gli avventori.

Quando vede qualcuno in difficoltà per il troppo piccante, con un sorriso gentile, gli porge un pezzo di formaggio, che attenua il bruciore.

Dopo qualche minuto diventi parte di un tutto. Ti arricchisci .

Tutti seduti e, dietro al bancone-altare, lo Zio Santu con il suo grembuile-tonaca che dispensa consigli , allevia malumori, regala sorrisi.

Paghi, vai via, prendi l’auto e poi l'aereo.
Rientri a casa.
Ma chiudendo gli occhi finisce che le immagini ritornano. Ritorna la sua voce e i suoi consigli.

 Ritorna il suo sorriso sotto i candidi baffi bianchi.

E ti viene voglia di ritornare da Zio Santu a farti coccolare.
Tag:  Calabria, Piccante, Caciocavallo, Zio Santu, Panino

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni