Paris… et les jeux sont fait!

Sfavillante, inebriante, esagerata ed indimenticabile.Tutto questo è l’alta moda targata “Ville Lumiere”

di Dea Mazzilli

Pubblicato giovedì, 27 gennaio 2011

Rating: 4.3 Voti: 25
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Armani Privè

Armani Privè
In una Parigi che non teme la recessione sono i giorni dell’alta moda, i giorni in cui tutto è permesso dentro e fuori dai backstage.
Quelle passerelle sono solcate da maestria, genio e sregolatezza; su quelle passerelle appare chi ha una storia ed un nome, chi crea rivoluzione e regala stile, sospeso su una sottile linea tra l’impossibile e il possibile facendo in poche ore il giro del mondo. Ma diamo la parola alle collezioni ed ammiriamole in tutto il loro splendore.
Il nostro Giorgio Armani crea il futuro e lo dipinge di blu; trasporta l’alta moda in un balzo di 100 lustri dove le creazioni hanno una materia luminosa, il taglio è netto e rigoroso, i capi spalla sono squadrati e degradano sui fianchi; una dimensione in cui trasparenze e pietre dure disegnano sublimi corpini, un luogo magico ed avveniristico in cui la donna indossa accessori di un tempo, che divengono moderni grazie alle forme geometriche dei clutch bicolore e alle applicazioni di rossi rubini nelle misteriose velette.
Del resto – afferma Giorgio - ci chiedono cose molto particolari, ho preso la direzione della modernità nell’alta moda, tanti altri fanno bellissimi abiti tradizionali”.

Riccardo Tisci per Givenchy

In un Giappone irreale e surreale nasce la “donna uccello/robot” di Riccardo Tisci per Givenchy Haute Couture. Dieci capolavori presentati nella meravigliosa cornice dell’Hotel Devreux in Place Vendome, dove l’androgina creatura crea un legame indissolubile tra natura e tecnologia, grazie a piume e leggerezza in contrapposizione a
John Galliano per Dior

tagli geometrici, squadrature perfette, trasparenze millimetriche e copricapi teatrali. I dieci capolavori sono stati quanti realizzati a Parigi su tessuti italiani ed ognuno di essi è frutto di interminabili ore di lavoro.
Ancora un omaggio dell’haute couture, questa volta all’illustratore René Gruau, intimo amico di monsieur Dior, che la mente innovativa di John Galliano ci offre in una cornice di stile e sfarzo regalandoci un vero piacere per gli occhi grazie ai drappeggi, ed inebriandoci con piume e sofisticate linee sinuose che nulla inventano e nulla distruggono, ma donano fascino e follia con un mix di antico e nuovo, matrimonio di pure essenze.
Copricapi che “prendono il volo” posti su acconciature perfettamente scolpite, cinture che cingono importanti giacche con revers drappeggiati e poi ancora tulle, guanti, maliarde di mascherine che svelano e nascondono.
John Galliano per Dior



Worth
Un’ultima chicca volta all’irriducibile voglia di sedurre: la presentazione di otto meravigliosi corsetti, firmati Worth, preziosi e sofisticati, interamente lavorati a mano ed abbinati a gonne in tulle che ricordano i tutù francesi dei primi anni del secolo, tutto realizzato in quel di Bologna, nei laboratori di Fiammetta Pancaldi.
Il lusso non ammette regole amiche di MRS e noi lo ammiriamo in silenzio, lo amiamo, lo odiamo, lo desideriamo come una pietra preziosa, come un peccato per pochi ma visibile agli occhi di tutti. Ed è la moda a tradurlo perfettamente in crudeltà e delizia del nostro tempo.

Tag:  Parigi, alta moda, Giorgio Armani, Givenchy, John Galliano, Worth

Commenti

27-01-2011 - 09:18:15 - Sandra
Grazie Dea, mi hai fatto sognare Paris ad occhi aperti, cosa non darei per vivere questa esperienza.... ps complimenti anche a te, ma come fai ad essere sempre così bella e in forma? dai svela i tuoi segreti???
27-01-2011 - 10:31:50 - anonimo
Parigi è sempre Parigi .. e i tuoi articoli sempre precisi e chiari .. complimenti Dea, mi piace rilassarmi e "staccare" 5 minuti leggendo i tuoi articoli .. encomiabile !! .. al prossimo articolo :) Sara
27-01-2011 - 10:32:56 - anonimo
W la moda, W parigi, W DEA YAGC
27-01-2011 - 16:21:05 - Giorgio A.
Carissima Dea, seguo sempre con molto interesse le tue interessanti rubriche - lo ammetto, non di rado sono state per me fonte di grande ispirazione, oltre a un riferimento per capire come i miei lavori siano accolti dalla critica. Ti ringrazio quindi per il tuo giudizio positivo sul mio modesto lavoro: non ti nascondo che hai colto alla perfezione l'anima della mia creazione. Baci Giorgio PS. Non vorrei suonare scortese e partigiano, ma la donna uccello-robot tende a suggerirmi l'idea di una straordinaria minchiata
01-02-2011 - 15:04:44 - anonimo
good writning
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni