Andrea Vercelli

Dopo essermi diplomato, ho frequentato la Facoltà di Scienze Naturali, Economia e Commercio, e ho terminato il ciclo di studi con Lettere e Filosofia. In seguito ho intrapreso la mia carriera lavorativa. In ambito commerciale. Attualmente gestisco le vendite in Italia di una grande multinazionale francese. E grazie al mio lavoro sono sempre in viaggio. Così osservo, conosco, imparo ed evolvo. Sono affamato di conoscenza e di vita. E non ne sarò mai sazio.
  • Nome: Andrea Vercelli
  • Qualifica: Collaboratore
  • "TU" in tre pregi e tre difetti:
    Sensibile, ironico ed eclettico. I miei difetti? Un po’ distratto, lunatico e permaloso
  • Che percorso hai fatto per arrivare a collaborare con MRS?
    Ho impostato Nic, il mio personalissimo navigatore satellitare. E gli ho chiesto di condurmi fin qui
  • Lavori con più uomini o con più donne?
    Tutti uomini, o quasi
  • Preferisci lavorare con uomini oppure con donne? Perchè?
    Con le donne. Mi stimolano maggiormente la creatività e la fantasia
  • Cosa ne pensi della donna del XXI secolo?
    E’ disarmante, imprudente e terribilmente affascinante
  • Il tuo rapporto con la politica
    Non ci capisco nulla. O meglio, è quello che preferisco far credere.
  • Il tuo rapporto con la religione
    Che domanda difficile!
    Io credo nell’Uomo. E credo che non abbia bisogno di nessun Dio per guadagnarsi il Paradiso.
  • Il tuo idolo del giornalismo
    Oriana Fallaci. Per il suo coraggio. Per la sua energia. Per la sua capacità di sintesi
  • Lo scoop giornalistico che avresti voluto fare tu
    Avrei voluto intervistare Alessandro Panagulis e guardarlo negli occhi mentre mi recitava una delle sue poesie: «Voglio pregare / con la stessa forza con cui voglio bestemmiare / Voglio punire / con la stessa forza con cui voglio perdonare / Voglio dare / con la stessa forza con cui lo volevo all’inizio / Voglio vincere / dato che non posso essere vinto.»
  • La tua citazione famosa preferita
    “Siate il cambiamento che vorreste vedere nel mondo” Mahatma Gandhi

Ultimi articoli

Il ritorno - Ritornare è quasi sempre meglio che partire
Sono tornato. Sono tornato da molto lontano. Sono tornato da luoghi che ho visto, che ho apprezzato e ho preferito abbandonare.Sono tornato a casa, anche questa settimana.Si parte il lunedì con un fagotto di idee e si ritorna il venerdì con il sacchetto di indumenti da lavare.Tornare a casa è rinnovarsi. Tornare a casa è ricaricarsi, come si fa con il cellulare la sera, che lo si attacca alla presa elettrica.Se avete tempo prendetevi un’ora e andate in un aeroporto, al terminal arrivi.E guardate...LEGGI

La città dei Sassi - Matera, quella città dove anche i sassi hanno un nome
La prima volta che arrivai a Matera, parcheggiai di fronte a un bar. E chiesi indicazioni. La città nuova non mostrava nulla di interessante. Casette anonime lungo una strada provinciale.Cominciai a chiedermi se avevo fato bene ad allontanarmi così tanto dall’itineriario stabilito solo per seguire quello che raccontava la vetrina di un’Agenzia di Viaggi. “Venite a Matera. A visitare i Sassi!”. Non una foto, non un’indicazione.I Sassi: pensavo a delle gigantesche pietre, sparse su un paesaggio de...LEGGI

Michele, Pane e Casu - Storia di una cena in cui il Caos, per un instante, sconfisse l’Ordine
Chi è Michele lo saprà lui stesso, se mai leggerà queste righe. E, ovviamente, lo so io.Prima di raccontarVi cosa successe quella sera, vorrei darvi un'idea di quest'uomo. Per capire le evoluzioni di quella sera, vale la pena spendere due parole su di lui.Dunque, Michele abitava a XXX, una cittadina provinciale del Nord Italia. Era padre affettuoso e marito premuroso. Sottolineo marito premuroso. Ci sarà utile nella vicenda.Il suo lavoro era un lavoro terribile. Ogni giorno, con la sua valigetta...LEGGI

ABOUT MONDO ROSA SHOKKING
.history .mission .chi siamo .contattaci .archivio storico

Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni