Chiara Bedetti

Laureata in legge, specializzata sui temi del mercato del lavoro, vivo a Como da una vita e, come il lago, sono allegra nelle giornate di sole e malinconica in quelle di pioggia.
Sono anche socievole, curiosa, indipendente e molto, molto golosa, ma per fortuna il mio vivacissimo cagnone mi impedisce di essere pigra quanto vorrei!
  • Nome: Chiara Bedetti
  • Qualifica: Collaboratrice
  • "TU" in tre pregi e tre difetti:
    ottimista, sincera, determinata
    impulsiva, disordinata (ma nel mio caos creativo trovo sempre tutto!) pigra
  • Che percorso hai fatto per arrivare a collaborare con MRS?
    Sulla condizione femminile, sui diritti delle donne e sulle politiche di genere ho letto, studiato e lavorato per diversi anni. Quando ho pensato che avrei voluto anche scrivere, ho trovato MRS!
  • Lavori con più uomini o con più donne?
    Decisamente con più donne
  • Preferisci lavorare con uomini oppure con donne? Perchè?
    Lavorare con tante donne può diventare pesante perché hanno la tendenza a mettere tutto su un piano personale.
  • Cosa ne pensi della donna del XXI secolo?
    Mi sembra una donna in crisi di identità. Non è più condannata ad essere la regina del focolare, ma è ancora lontana dall’aver raggiunto una condizione di effettiva parità con l’uomo; non è può costretta a nascondere il proprio corpo, ma è come se si sentisse obbligata ad esporlo; può essere libera ed indipendente economicamente, ma pur di non restare sola spesso accetta un compagno inadeguato.
  • Il tuo rapporto con la politica
    Amore e odio. Mi attrae e mi respinge. Sono affascinata dagli alti principi a cui dovrebbe ispirarsi e disgustata dalla quotidiana meschinità dei nostri politicanti.
  • Il tuo rapporto con la religione
    Intimo
  • Il tuo idolo del giornalismo
    Mi piacciono molto Antonello Piroso e Marco Travaglio
  • Lo scoop giornalistico che avresti voluto fare tu
    Il Watergate
  • La tua citazione famosa preferita
    Un vero viaggio di scoperta non è cercare nuove terre, ma avere nuovi occhi (M.Proust)

Ultimi articoli

Donne e media: GMMP 2010 - I risultati della ricerca curati dall'Osservatorio di Pavia
Probabilmente non ci avete mai fatto caso, ma anche le notizie hanno, per così dire, un sesso. E chi fa notizia in Italia? Soprattutto gli uomini! La presenza femminile nelle notizie, infatti, è limitata ad un misero 19% e ben 1/4 di queste donne sono citate in quanto vittime. Gli “esperti” sono uomini nell’86% dei casi, mentre le donne reporter – anche se quantitativamente di poco superiori ai colleghi maschi – ci informano su media, arti, sport, celebrità, scienza e salute. Solo il 26% delle g...LEGGI

Le donne d'Italia ci sono! - Un nuovo tessuto femminile, a metà strada tra le attiviste e le donne comuni. Tutte insieme per una maggiore consapevolezza di genere
L’eco del grido “Se non ora, quando?” che ha  animato  le piazze italiane il 13 febbraio scorso, rimbalzato dai muri virtuali della rete, è arrivato fino all’8 marzo e lo ha riempito di nuove aspettative e di un rinnovato entusiasmo. Mai come quest’anno la “Giornata Internazionale della Donna” è stata caratterizzata da una vasta proposta  di iniziative che hanno mobilitato donne di diversa estrazione sociale e orientamento politico: un modo per ricordarci che l’Italia non è un paese per donne, m...LEGGI

Le donne vogliono un' "Immagine differente" - Un sito, un comitato e una disegno di legge per un'immagine non sessista della donna sui mezzi di comunicazione
Un paio di natiche (femminili ovviamente) in bella vista, una coppia di ragazze che, sguardo malizioso e atteggiamento invitante, leccano un gelato. Sono le immagini di una campagna pubblicitaria di una marca di abbigliamento apparse in questi giorni a Milano. Non occorre grande fantasia per intuirne il significato: l'allusione sessuale è così esplicita da non aver bisogno di commenti.E’ solo l’ultimo esempio di una tendenza che sembra inarrestabile. Corpi femminili esibiti, denudati, spesso acc...LEGGI

ABOUT MONDO ROSA SHOKKING
.history .mission .chi siamo .contattaci .archivio storico

Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni