Claudia Clerici

Dottore di Ricerca in Pedagogia, perché sembra importante doversi definire con il titolo conquistato. Degli studi e dei titoli, in questo particolare momento della mia vita, recupero solo l’essere in ricerca. Percorso intricato, a volte appassionante, a volte estenuante.
  • Nome: Claudia Clerici
  • Qualifica: Collaboratrice
  • "TU" in tre pregi e tre difetti:
    Empatica, attenta, buona ascoltatrice. Purtroppo non sono sempre ottimista, rifletto troppo e agisco poco! Eccessivamente permalosa.
  • Che percorso hai fatto per arrivare a collaborare con MRS?
    Da settembre 2007, grazie alla mia sorella-amica, ho iniziato a frequentare le prime riunioni di redazione ed ora sono ancora qui, attraverso molte ipotesi di cambiamento, qualcuna realizzata, qualcuna meno, ma sempre con la stessa voglia di scrivere!
  • Lavori con più uomini o con più donne?
    Al momento sono tra i molti che non lavorano. In passato ho sperimentato la metà esatta e direi che è una condizione ideale.
  • Preferisci lavorare con uomini oppure con donne? Perchè?
    Dal punto di vista pratico non posso negare che gli uomini sono più immediati, ma ad un livello più profondo preferisco che ci siano altre donne: abbiamo bisogno di parlare e nella condivisione della nostra complessità sentiamo pulsare la vita.
  • Cosa ne pensi della donna del XXI secolo?
    La definizione è un po' generica, dunque parlo di noi, donne occidentali. Siamo fortunate per tutta quella libertà che solo 60 anni fa non si immaginava di poter raggiungere. Siamo sfortunate perchè abbiamo abusato di questa libertà, perdendo di vista molte nostre peculiarità di "donne". Dunque stiamo camminando, cercando di definirci day by day.
  • Il tuo rapporto con la politica
    Preferirei saperne di più, ma nonostante questa volontà, la snobbo: controsensi…
  • Il tuo rapporto con la religione
    Odi et amo. Prima era amore totale, ora non è odio, ma certamente una messa in discussione a tratti arrabbiata.
  • Il tuo idolo del giornalismo
    Ryszard Kapuściński
  • Lo scoop giornalistico che avresti voluto fare tu
    Non saprei. So per certo che più che per uno scoop, preferirei essere ricordata per un intenso reportage.
  • La tua citazione famosa preferita
    Chi non sa più provare stupore e meraviglia per la maestosità delle cose è come morto, i suoi occhi sono spenti. (Albert Einstein)

Ultimi articoli

Jardìn Rodante La Huella - Un'impronta nel percorso tra casa e scuola dell'infanzia
Il Jardìn Rodante La Huella nasce a Buenos Aires come proposta pedagogica per bambini dai 10 mesi ai 2 anni e si sviluppa dall’esigenza concreta di alcuni genitori, volenterosi di offrire ai propri figli un luogo più intimo rispetto agli asili tradizionali. Per questo non esiste una struttura specifica, ma i bambini si incontrano a turno nelle rispettive case dove, oltre a ricevere un’attenzione specifica ai propri bisogni, possono abituarsi alla vita comunitaria grazie all’ampliamento dei co...LEGGI

Homo homini speculum - Maschile Plurale: un’occasione per riflette sull'identità maschile e sulle relazioni fra i generi
Sogno o son desta? Un sito di “uomini impegnati”? La mia perplessità mista a gioia lasciano emergere quanto sia condizionata dai pregiudizi e nasce in me la curiosità di capire come mai questi uomini abbiamo una marcia in più rispetto a quello che solitamente è l’immaginario comune femminile sull'altro sesso. Alessio Miceli, presidente dell’Associazione MaschilePlurale, mi aiuta a far luce su questo mistero e mi racconta della nascita di questa esperienza. “Con una metafora, si pot...LEGGI

Il mondo a portata di tasca: Travelsex - La guida da portare sempre con sé per un’estate di fuoco, ma senza ustioni!
Cantava Lorenzo Cherubini in Estate 1992: “Dove andiamo? Ostia, Fregene, Rimini, Riccione. Un'altra abbronzatura ed un'altra canzone legata ad una storia d'amore passeggera nata sopra il bagnasciuga, è già finita la sera, dell'addio, del ci sentiamo, ti penso, ti chiamo, scrivimi, ricordati, ti prego, ti amo”. Quasi vent’anni dopo la dinamica vacanziera è pressappoco la stessa: l’estate è la magia dell’incontro, delle regole che possono essere messe momentaneamente in fondo al cassetto, d...LEGGI

ABOUT MONDO ROSA SHOKKING
.history .mission .chi siamo .contattaci .archivio storico

Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni