SEARCH

Ricerca di "Legge Coranica" ha dato 9 risultati.

 Pagine (9)Persone (0) 
Iran, corsa contro il tempo per fermare una lapidazione
L’orologio corre e ogni minuto che passa avvicina una donna iraniana di 43 anni, madre di due ragazzi, Sakineh Mohammadi Ashtiani, alla fine terribile a cui è stata condannata: la lapidazione. Nel maggio del 2006 la Ashtiani era stata accusata di aver avuto rapporti sessuali extramatrimoniali con due uomini. Dopo un...
http://mondorosashokking.com/Fresca-Di-Giornata/Iran--corsa-contro-il-tempo-per-fermare-una-lapidazione/
Arabia Saudita e Iran, due volti della repressione sessuale
In Arabia Saudita è assolutamente vietato socializzare fra donne e uomini non imparentati fra loro. E’ tassativamente vietato a una donna uscire di casa senza il permesso di un parente maschio. E’ rigorosamente proibito organizzare feste con un pubblico misto maschile e femminile. Sono queste le regole che hanno...
http://mondorosashokking.com/Fresca-Di-Giornata/Arabia-Saudita-e-Iran--due-volti-della-repressione-sessuale/
Il perdono della vittima
Bari, è stato perdonato dai famigliari un marocchino che picchiava moglie e figli. La consorte e i due ragazzi (una figlia di 20 anni e suo fratello di 16) erano stati percossi per il loro vivere "all'occidentale". Il figlio maschio è scappato di casa. Ma adesso la mamma e la figlia hanno ritirato la querela dop...
http://mondorosashokking.com/Fresca-Di-Giornata/Il-perdono-della-vittima/
Arabia Saudita: la polizia reprime, le donne si ribellano
Ad Al Mubarraz, Arabia Saudita, si è realizzato, almeno per un giorno, il sogno di tutte le femministe arabe. Un agente della polizia religiosa è stato picchiato da una donna. Nel gergo giornalistico, è la classica notizia in cui è “l’uomo che morde il cane”. Come è potuto accadere? Il poliziotto della Commissi...
http://mondorosashokking.com/Fresca-Di-Giornata/Arabia-Saudita--la-polizia-reprime--le-donne-si-ribellano/
Una piccola pietra nel muro iraniano
La sospensione della lapidazione di Sakineh Mohammadi Ashtiani è certamente una vittoria. Una vittoria più mediatica che giudiziaria. Perché la pena è solo sospesa, ma l’effige di Sakineh, affissa sulle facciate dei centri della politica italiana e francese, per la prima volta, ha bucato un muro di silenzio. Ab...
http://mondorosashokking.com/Porco-Mondo/Una-piccola-pietra-nel-muro-iraniano/
Pakistan
All’inizio di quest’anno, a causa di forti pressioni politiche, il sito di YouTube aveva censurato il video della fustigazione di una ragazza in Pakistan, nelle regioni tribali. La settimana scorsa, col pretesto che, navigando su YouTube, gli utenti pakistani possono addirittura vedere delle vignette blasfeme che ri...
http://mondorosashokking.com/Porco-Mondo/Pakistan/
Iran
Le manifestazioni contro il regime iraniano coinvolgono una altissima percentuale di donne. L'icona della protesta anti-regime è una ragazza, Neda Soltan, uccisa da un colpo di arma da fuoco durante una manifestazione a Teheran, il 20 giugno 2009. In Iran il paradosso è grande: la popolazione femminile è la più istr...
http://mondorosashokking.com/Porco-Mondo/Iran/
Egitto
Le donne sono l’anima della rivolta egiziana. La presenza femminile in piazza Tahrir, dove si sta facendo la storia, è sempre più massiccia e attiva. Ed è già una rivoluzione: fino a poche settimane fa era inconcepibile che le famiglie le lasciassero uscire di casa per partecipare a una manifestazione anti-governativa....
http://mondorosashokking.com/Porco-Mondo/Egitto/
Libia, non è una rivoluzione per donne
Libia, seconda settimana di intervento militare umanitario. Si può dire che la guerra sia fatta per motivi politici. Si può dire che sia iniziata per fermare una repressione. Si può sospettare (è lecito anche questo) che vi siano dietro ben altri interessi petroliferi. Una sola cosa non si può dire: che sia stata lanci...
http://mondorosashokking.com/Guru-Meditation/Libia--non-è-una-rivoluzione-per-donne/
ABOUT MONDO ROSA SHOKKING
.history .mission .chi siamo .contattaci .archivio storico

Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni