Giorgio Armani e Green Cross International in: Acqua for Life

La creazione e il recupero di pozzi per dare acqua potabile a regioni dell’Africa che soffrono è solo una parte di questo importante progetto. Prenderne parte è doveroso e molto facile

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Presentato durante la conferenza tenutasi all’interno della sede L’Oreal di Milano mercoledì 29 Febbraio, il progetto Acqua for Life vuole diventare qualcosa di molto importante in fatto di solidarietà verso i paesi bisognosi d’aiuto.

Camilla Schiavone, Presidente di Giorgio Armani Parfums, ed Elio Pacilio, Presidente di Green Cross Italia, hanno illustrato quanto già avvenuto nel 2011 grazie a questa preziosa collaborazione in alcune località del Ghana: sistemi di raccolta di acqua potabile per 27.000 persone in 16 comunità, compresi 3.500 bambini.
 
L’importanza di questo progetto va sottolineata non solo per il fatto che l’acqua pulita, e quindi potabile, aiuta a contrastare malattie e infezioni che sono causa di numerosissimi decessi, ma anche perché spesso sono i giovani a doversi recare ai pozzi, distanti dalle loro abitazioni, per aiutare e sostenere le loro famiglie.

Ciò  comporta che questi ragazzi non possano frequentare lezioni scolastiche, e quindi non abbiano una giusta istruzione. Grazie ad Acqua for Life, nel solo 2011, si è registrato un  aumento considerevole di iscrizioni nelle scuole e soprattutto meno assenze per malattia.

Gli obiettivi raggiunti in Ghana esattamente entro i tempi previsti, saranno gli stessi da raggiungere e migliorare  in Bolivia durante il 2012: recupero di cisterne di acqua piovana tramite trivellazioni e scrupolosi test per verificarne la potabilità, il ripristino di vecchi pozzi già esistenti e la realizzazione di nuovi.

Green Cross è un progetto che comprende soluzioni sostenibili e sperimentate per la costruzione di sistemi d’acqua sui tetti degli edifici scolastici e di deviazione dell’acqua piovana in serbatoi sopraelevati, con una capacità di 20.000 litri, che studenti e abitanti delle comunità possono utilizzare e seguire nella manutenzione. Ed Elio Pacilio ha sottolineato quantoi nativi di queste zone dell’Africa abbiano preso parte attivamente e orgogliosamente a questo duro lavoro.

Come sostenere la Charity? Davvero molto semplice. Tramite l’acquisto dei profumi Acqua di Giò e Acqua di Gioia si donano automaticamente 100 litri di acqua. E sarete consapevoli del vostro atto benefico proprio tramite la confezione: quest’anno, infatti, sono state create bottiglie serigrafate e in Limited Edition che riportano il logo Acqua For Life e Green Cross.

Ma non serve necessariamente che compriate le fragranze in questione. È stata appena aperta lapagina Facebook dedicata al progetto: andate sulla vostra homepage del Social Network, cercate Acqua for Life, cliccate su “Like” e avrete già automaticamente donato 50 litri d’acqua potabile.
In questo modo, inoltre, si entra a far parte della novità Water Race: ogni sostenitore potrà creare un proprio Avatar e compiere un viaggio virtuale, ma quanto mai reale in fatto di importanza, che parte da Milano per arrivare in Bolivia seguendo passo passo tutti i grandi risultati che l’Associazione è certa di ottenere: l’obiettivo è quello di superare i 40 milioni di acqua da mettere a disposizione di queste popolazioni.
 
Ulteriore modo per redensi utili è acquistare la t-shirt che lo stilista Giorgio Armani ha creato grazie ai disegni realizzati dai bambini ghanesi come ringraziamento per quanto fatto. Le magliette saranno vendute al pubblico ad un prezzo di 60,00 € nei negozi Emporio Armani. Parte del ricavato andrà a sostenere Green Cross International nel programma “Smart Water for Green Schools”.

Moda e impegno sociale camminano insieme.
 


Se volete saperne di più potete visitare il sito www.acquaforlifechallenge.org.
Tag:  Giorgio Armani, Green Cross International, Acqua for Life, Acqua di Giò, Bolivia, Ghana, pozzi d'acqua, facebook, t-shirt, Camilla Schiavone, Elio Pacilio

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni